Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Turismo:Confesercenti, regge grazie a stranieri, solo il 13% sceglie Sud

colonna Sinistra
Sabato 20 luglio 2013 - 12:31

Turismo:Confesercenti, regge grazie a stranieri, solo il 13% sceglie Sud

(ASCA) – Roma, 20 lug – Il turismo straniero continua aessere una risorsa per l’Italia. Anche in tempi di crisi e diaccresciuta concorrenza, i flussi provenienti dall’esterohanno permesso di garantire al settore turistico la tenuta,nonostante il forte calo della domanda interna. Un risultatoimportante, sebbene si registrino profonde differenzeterritoriali: solo il 13% degli stranieri, infatti, ha sceltouna meta del sud dell’Italia. E chi lo ha fatto,prevalentemente, e’ stato attratto dalla prospettiva digodere mare e paesaggi, malgrado il valore del patrimonioartistico e culturale di una delle aeree dalla storia piu’antica e rilevante d’Europa.

E’ quanto rivela uno studio Confesercenti-Ref chefotografa lo stato del turismo estero in Italia, esaminandoneaspettative e valutazioni. Nella percezione dei turististranieri – segnala lo studio – il gradimento dell’Italiaresta altissimo: il voto medio complessivo assegnato alnostro Paese e’ 8,25. Ma il Paese potrebbe reggere meglioalla competizione internazionale, sempre piu’ agguerrita, sesi dotasse di una politica del turismo in grado di sfruttarele grandi potenzialita’ del nostro territorio e del nostropatrimonio culturale ed artistico.

Nel dettaglio, gli stranieri tendono a privilegiare metenel Centro-Nord: Roma mantiene la testa della classificadegli arrivi, seguita da Milano, Venezia e Firenze. Ma si favalere anche la provincia italiana: subito dopo, ingraduatoria, compaiono citta’ come Varese, Imperia, Trieste,Como. Solo il 13% degli arrivi dall’estero, invece, e’registrato nelle regioni del Mezzogiorno: le destinazionidelle regioni meridionali attraggono meno gli stranieri, operlomeno, ne registrano una minore presenza. Lusinghieri anche i voti assegnati dai turisti stranierialle varie Regioni italiane: nella classifica dei giudizicomplessivi, troviamo in testa la Toscana (8,57) seguita daValle D’Aosta (8,55) e Umbria (8,52). In generale,distinguendo per regioni visitate, si rileva come i giudizicomplessivi tendono ad essere superiori per regioni adelevato orientamento al turismo, e quindi dotate di servizipiu’ efficienti e di migliore qualita’, e con un patrimonionaturale o artistico maggiormente preservato. Restanoindietro, invece, le regioni dove lo stato di preservazionedel territorio o il complesso dei servizi necessitanomiglioramenti.

Per quanto riguardo le valutazioni specifiche, la Sardegnasvetta nella cortesia con un bel 8,71, ma e’ braccata daBasilicata (8,67) Abruzzo e Campania (8,61). Chiude laclassifica il Lazio con un 7,78. Ma la regione centrale sirifa’ abbondantemente quando si tocca il tasto dell’arte:Colosseo e San Pietro non si battono, come dimostral’eloquente voto di 9,15 assegnato dagli stranieri. Toscanaed Umbria, invece, guadagnano il posto di damigelle d’onore,con valutazioni attorno al 9. Chiudono la fila -probabilmente a causa della scarsa promozione del patrimonioartistico -Calabria ed Abruzzo. Per quanto riguardal’ambiente, invece, e’ la Val d’Aosta in cima alla classificacon un giudizio di 9,28. Ma si comportano egregiamente ancheSardegna, Umbria e trentino Alto Adige tutte sopra il 9.

Cenerentole, in questo caso sono, la Lombardia ed il Lazio.

Per la qualita’ e disponibilita’ di informazioni, invece, glistranieri si trovano piu’ a loro agio nelle regioni del nord:queste occupano tutti i primi posti della classifica,capitanate ancora una volta dalla Val d’Aosta e dalTrentino.

In coda, Sardegna, Abruzzo e Molise. Sul tema sicurezza laSardegna sbaraglia il campo con un 8,95. Poi, ancora unavolta, le regioni del nord e del centro: Trentino, Valled’Aosta, Veneto, Toscana. Friuli Venezia Giulia, EmiliaRomagna, mentre Lombardia, Puglia, Campania e Calabriaottengono i voti piu’ bassi. Infine, i voti piu’ alti per gli alberghi sono appannaggiodi Val d’Aosta, Trentino e, forse a sorpresa, Basilicata,mentre sulla cucina e’ il Sud a sbancare: Abruzzo, Campania,Basilicata e Calabria si fanno preferire a tutte le altreregioni con voti che ruotano attorno al 9. Per lo shoppingarriva una nuova valanga del Nord con l’occupazione dei primiposti in classifica da parte di Friuli, l’onnipresente Vald’Aosta, Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte. red-fch/uda

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su