Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Fisco: false compensazioni, Ag.Entrate e Inps scoprono frode da 30 mln

colonna Sinistra
Venerdì 19 luglio 2013 - 12:33

Fisco: false compensazioni, Ag.Entrate e Inps scoprono frode da 30 mln

(ASCA) – Roma, 19 lug – Stretta sulle compensazioni dicrediti d’imposta inesistenti per pagare i contributiprevidenziali. Si chiude oggi la prima operazione messa incampo da 40 ispettori dell’Inps e 74 funzionari dell’Agenziadelle Entrate per contrastare la frode ideata da alcunesocieta’, con sede nel Lazio e in Abruzzo che, con ilmeccanismo della compensazione, utilizzavano crediti diimposta inesistenti per effettuare il versamento deicontributi previdenziali. L’escamotage permetteva agli autoridelle operazioni fittizie di apparire formalmente in regola.

Complessivamente l’importo delle compensazioni indebiteeffettuate supera i 30 milioni di euro.

E’ quanto si legge in una nota dell’Agenzia delle Entrate,secondo cui il meccanismo fraudolento svelato riguardasoggetti che, nel periodo 2009-2013, hanno pagato i propricontributi previdenziali tramite F24, presentati formalmenteda soggetti inesistenti, le cosiddette ”cartiere” (soggettiche producono solo ”carte”, documenti), in cui sono statiindicati crediti d’imposta altrettanto inesistenti. Questeoperazioni fittizie hanno permesso al soggetto titolare dellamatricola Inps di risultare in regola con i versamentiprevidenziali in quanto, per effetto della compensazione,l’Inps riceveva effettivamente quanto dovuto. In particolare, l’importo complessivo delle compensazioniindebite effettuate nel periodo indicato, 2009-2013, risultapari a piu’ di 30 milioni di euro. Di questi, all’incirca 20milioni di euro sono relativi a contribuenti con sede nelLazio.

I funzionari dell’Agenzia delle Entrate e gli ispettoridell’Inps hanno effettuato da ieri piu’ di 60 controlli neiconfronti di contribuenti e di alcuni professionisti ritenutipresunti registi della frode.

L’attivita’ e’ la prima di una serie di operazioni chescaturiscono dalla collaborazione tra le competenti DirezioniCentrali dell’Agenzia delle Entrate e dell’Inps, dairispettivi Uffici centrali ispettivi e antifrode e dallearticolazioni operanti sul territorio (in particolare, perl’Agenzia delle Entrate, l’ufficio Antifrode della DirezioneRegionale del Lazio, l’ufficio Controlli fiscali dellaDirezione Regionale dell’Abruzzo e le Direzioni ProvincialiI, II e III di Roma, Frosinone e L’Aquila e per l’Inps leDirezioni Regionali del Lazio e dell’Abruzzo), che mettono afrutto le potenziate capacita’ di incrocio dei datidisponibili. com-fch/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su