Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Fiat Ind: Marchionne, non lasciamo Italia. Polemica fisco pretestuosa

colonna Sinistra
Martedì 9 luglio 2013 - 17:17

Fiat Ind: Marchionne, non lasciamo Italia. Polemica fisco pretestuosa

(ASCA) – Torino, 9 lug – Nessuna intenzione di abbandonare l’Italia: lo ha assicurato il presidente di Fiat Industrial Sergio Marchionne durante l’assemblea dei soci convocata oggi a Torino per approvare la fusione tra Fiat Industrial e Cnh che portera’ alla nascita di Cnh Industrial, societa’ che avra’ domicilio fiscale nel Regno Unito e sede legale in Olanda. ”La fusione tra Fiat Industrial e Cnh – ha premesso Marchionne – e’ il punto di arrivo naturale di un lungo processo iniziato diversi anni fa per semplificare l’azienda e liberare le energie per la crescita”. Ma Marchionne ha voluto soprattutto puntualizzare la questione del domicilio fiscale ricordando che la scelta della Gran Bretagna ”ha generato una serie di reazioni da parte di alcuni politici e sindacalisti italiani, secondo i quali avere residenza fiscale in Gran Bretagna comporterebbe un notevole danno per il fisco italiano”. ”Si tratta di polemiche pretestuose e di informazioni totalmente false”, ha osservato Marchionne. ”Chi ha fatto queste affermazioni non sa, o finge di non sapere che le tasse si pagano nei paesi in cui si svolgono le attivita’ operative, in cui ci sono gli stabilimenti industriali in conformita’ con le leggi locali”. Marchionne ha ricordato che Cnh ha attualmente sede in Olanda e quindi e’ sbagliato palare di un trasferimento ”seppure tecnico”. ”In Italia – ha detto ancora – come negli altri paesi hanno sede le societa’ nazionali ch svolgono le attivita’ operative e che continueranno a farlo pagando le tasse dove operano”. ”Non abbiamo nessuna intenzione di abbandonare il paese – ha sottolineato Marchionne -. In Italia Fiat Industrial ha 14 stabilimenti e 10 centri di ricerca e sviluppo e occupa circa 19mila persone. Intendiamo non solo preservare questa realta’ ma vogliamo renderla piu’ forte e piu’ competitiva”. Marchionne ha infine aggiunto che l’operazione di fusione ha anche l’obiettivo ”di proteggere la nostra presenza industriale in Italia e offrire alle nostre attivita’ nel paese la forza e la solidita’ di un’azienda globale e leader nel suo settore”. eg/mau/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su