Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Cig: Cisl, resta a livelli elevatissimi. Puntare su ricollocazione

colonna Sinistra
Venerdì 5 luglio 2013 - 16:05

Cig: Cisl, resta a livelli elevatissimi. Puntare su ricollocazione

(ASCA) – Roma, 5 lug – ”A giugno le ore complessivamenteautorizzate di cig sono state 90,8 milioni, praticamentestabili rispetto a maggio, quando le ore erano state 89,3milioni. Si evidenzia invece una riduzione del 4,9% rispettoa giugno 2012, dovuta ad un calo della cassa ordinaria,nonche’ al calo ‘tecnico’ della cig in deroga, le cuiautorizzazioni sono state bloccate per mesi in attesa dellostanziamento di risorse”. Lo sottolinea , in una nota, ilSegretario confederale Cisl, Luigi Sbarra, spiegando che”rispetto, invece, al mese di maggio 2013, come siprevedeva, le ore di cassa integrazione in deroga hannoiniziato a risalire, grazie al primo sblocco di risorseavvenuto il mese scorso. Dal prossimo mese, conl’assegnazione di ulteriori 550 milioni avvenuta proprioieri, la risalita si prevede ancora piu’ forte, perche’l’Inps iniziera’ ad esaminare le domande in giacenza damesi”. In definitiva – aggiunge il sindacalista – ”la cassaintegrazione resta su valori elevatissimi. Inoltre cipreoccupa moltissimo la crescita delle richieste di Aspi eindennita’ di mobilita’, che complessivamente, nei primicinque mesi 2013, aumentano del 19,4% rispetto alcorrispondente periodo del 2012. Insistiamo perche’ ilGoverno si faccia subito carico di coprire l’intero anno conun ulteriore, adeguato, stanziamento di risorse per gliammortizzatori in deroga, ad evitare un nuovo blocco delleautorizzazioni che potrebbe verificarsi entro pochesettimane”. Per Sbarra ”resta centrale il tema delle misure per laricollocazione: auspichiamo- conclude Sbarra- che lasoluzione individuata nel recente ”pacchetto lavoro” perrinforzare i servizi per l’impiego, con una struttura ad hocpresso il Ministero del Lavoro con funzioni di coordinamentoe programmazione degli interventi di politica attiva sulterritorio, possa essere un passo importante per offrirepossibilita’ concrete ai lavoratori espulsi dal sistemaproduttivo”. red/glr

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su