Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Mediaset: investe 2 mld su palinsesti e scommette su autoproduzione

colonna Sinistra
Mercoledì 3 luglio 2013 - 11:29

Mediaset: investe 2 mld su palinsesti e scommette su autoproduzione

(ASCA) – Cologno Monzese (Mi), 3 lug – Mediaset mette sulpiatto 2 miliardi di euro per i palinsesti 2013 e scommettesull’autoproduzione. Pier Silvio Berlusconi parla di”rivoluzione graduale” e spiega: ”Stiamo progressivamentediminuendo l’acquisto all’esterno di diritti e ciconcentreremo sempre di piu’ sull’autoproduzione soprattuttosul fronte dell’intrattenimento, dell’informazione e dellafiction”. Il 2013 potrebbe dunque essere l’anno della riscossa peril gruppo di Cologno Monzese che chiuso l’esercizio 2012 in’profondo rosso”, ossia facendo registrare una perdita nettadi 235 milioni di euro. ”Abbiamo trascorso un periodo tosto- chiarisce Pier Silvio Berlusconi durante la serata dipresentzione dei palinseti autunnali – ma ora siamo pronti aripartire. Passato il peggio della crisi, mettiamo un’altramarcia”. Mediaset e’ infatti stata colpita da una ”crisiprofondissima” che ha travolto l’intero mondo dei media,dove ”e’ in atto un vero e proprio tsunami che sta mettendoa rischio tutto il nostro settore”. A dimostrarlo sonosoprattutto i numeri sulla raccolta pubblicitaria, che in dueanni si e’ ridotta in Italia di 2,5 miliardi di euro. Difronte a questo scenario di crisi, ”abbiamo avuto ilcoraggio di rimettere tutto in discussione”. A ColognoMonsese e’ stato insomma fatto ”lavoro di ottimizzazione edefficienza” che non impattera’ sull’occupazione: ”Non c’e’nessun programma di diminuzione del personale”. Pier SilvioBerlusconi e’ convinto che i risultati sono positivi: ”E’stata dura, ma oggi siamo orgogliosi di poter dire che siamoriusciti a creare una macchina piu’ moderna, piu’ snella edefficiente, senza toccare la qualita’ del prodotto”. I palinsesti autunnali sono dunque il frutto di questa’rivoluzione’. E l’offerta di prodotti editoriali ‘home made’aumentera’ su tutte le reti del Biscione. Su Canale 5 del26%, su Italia 1 dell’84%, mentre Rete 4 i programmiautorpdotti sono destinati a raddoppiare. Cosi’ iprotagonisti del prime time di Canale 5 saranno fictioninedite come ‘Baciamo le mani.

Palermo-New York 1958′ con Virna Lisi e Sabrina Ferilli,’Rodolfo Valentino – La leggenda’ intepretato da GabrielGarko, ‘Romeo e Giulietta’ con Alessadra Mastronardi eMartino Riva, ‘Angeli, una storia d’amore’ con Rauol Bova eVanessa Incontrada. Spazio anche a sequel di serie disuccesso come ‘Squadra antimafia 5’, ‘Il tredicesimo apostolo2’ e ‘Le tre rose di Eva 2′. Sul fronte dell’intrattenimento,la novita’ e’ uno nuovo show targato ‘Le Iene’. Gianni Morandi sara’ poi il protagonista di 2 serate live(il 7 e l’8 ottobre) dall’Arena di Verona, Aldo Giovanni eGiacomo torneranno per 4 serate in ‘Ammuta Muddica’, GerryScotti condurra’ ‘Io canto’ e le giovani promesse italianepotranno sfidarsi sul palco di ‘Italia’s got talent’. L’intrattimento di Italia 1 scommette su invece ‘Lucignolo2.0’, nuovo programma di inchieste e reportage. Tornano igrandi classici come 9 puntate de ‘Le Iene’, 12 puntate di’Colorado Cafe”, 8 puntate di ‘Zelig One’ e la terzaedizione del sit-show di Ale&Franz ‘Buona la prima’. Tra leserie, spicca l’anteprima assoluta di ‘Hannibal’. Italia 1 siconferma anche rete dello sport di Mediaset, con i mercoledi’di Champion’s League, la superbike e la Moto Gp.

Rete 4, infine, sterza sull’informazione. A caratterizzareil prime time saranno infatti la quarta stagione di ‘QuartoGrado’, la seconda edizione di ‘Quinta Colonna’ condottosempre da Paolo Del Debbio e i documentari di ‘Life: uomo enatura’. Toni Capuozzo condurra’ ‘Terra’, sempre in secondaserata. Tra le serie tv, accanto la prima assoluta di ‘Hatfields &McCoys’ con Kevin Costner, tornano ‘The Mentalist’, ‘DowntonAbbey’ e ‘Rizzoli e Isles’. Pier Silvio Berlusconi esprime la propria soddisfazioneper una ”programmazione ancora piu’ ricca” e osserva: ”Latv e’ il mercato piu’ concorrenziale in Europa. Nel giro dipochi anni siamo passati da 7 a piu’ di 300 canali solo inItalia. Ma siamo convinti che a tenere il pubblico davantialla tv sono ancora le reti generaliste”.

fcz/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su