Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Altroconsumo, futuro italiani a rischio resta incertezza

colonna Sinistra
Martedì 2 luglio 2013 - 16:08

Crisi: Altroconsumo, futuro italiani a rischio resta incertezza

(ASCA) – Roma, 2 lug – Futuro a rischio, per gli italianiresta scenario di incertezza. Per l’ottavo trimestre di filai risparmiatori italiani si mostrano pessimisti sul lorofuturo. L’indice Altroconsumo Finanza che misura la fiduciadei risparmiatori italiani a giugno e’ calato a quota 82,5(era 85,1 a marzo), uno dei dati piu’ bassi di sempre, su unascala che va da 0 (depressione piu’ nera) a 200 (euforiasfrenata) e in cui i valori sotto 100 indicano pessimismo.

Per contro i sotto-indici che indicano la voglia di investirein titoli o immobili, in obbligazioni o azioni, seppure dipoco sono tutti sopra quota 100, in area di lieve ottimismo.

Anche tra gli intervistati si assiste, quindi, al paradossoche vediamo nell’economia: a fronte di una situazionereddituale difficile o declinante che spinge al pessimismo,resiste in qualche maniera la voglia di investire,”drogata” dai risultati messi a segno dalle Borse graziealla liquidita’ facile riversata dalle banche centrali. In undici anni di rilevazioni la fiducia dei risparmiatori e’stata messa a dura prova finendo in area di estremopessimismo in due casi: la crisi subprime/ Lehman e la crisidei Piigs. Ma c’e’ differenza tra i due casi: ai tempisubprime/ Lehman ci fu un aumento dei pessimisti a scapitosia degli ottimisti sia degli incerti. Con la crisi deiPiigs: i pessimisti sono saliti, ma gli incerti sono rimastigrosso modo stabili: a calare a meno del 30% degliintervistati sono stati solo gli ottimisti. Se si confrontano i dati italiani con quelli di rilevazioniche abbiamo condotto in altri Paesi Piigs (Spagna ePortogallo) emerge che la fiducia e’ diminuita ovunque. Ilcalo e’ stato piu’ marcato in Spagna che da noi, fatto resoancora piu’ evidente dal fatto che la situazione economicaspagnola prima del 2007 e’ stata migliore rispetto allanostra (quindi era maggiore l’ottimismo). In Portogallo lafiducia e’ stata sempre piu’ bassa, ma il dato e’ coerentecol fatto che questo Paese ha sempre vissuto una situazioneeconomica piu’ fragile. In questo contesto, gli italiani (e iportoghesi) sembrano molto piu’ avvezzi degli spagnoli avivere il declino e a sopportarlo. L’indagine sull’indice e’ condotta ogni tre mesi su 300utenti di Altroconsumo Finanza a cui sono poste cinquedomande: una sulle prospettive reddituali da qui a un anno,quattro sulle intenzioni di investire.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su