Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ue: da freno GB sul bilancio rischi per fondi occupazione

colonna Sinistra
Giovedì 27 giugno 2013 - 20:58

Ue: da freno GB sul bilancio rischi per fondi occupazione

(ASCA) – Bruxelles, 27 giu – Prosegue a Bruxelles il verticedei capi di Stato e di governo dei paesi dell’Ue. I leaderdei ventisette sono chiamati a discutere misure per favorirel’occupazione, soprattutto quella giovanile, e del meccanismodi risoluzione delle crisi bancarie quale nuovo passo delprogetto di unione bancaria. Ma i grandi temi in agenda, inquesta prima giornata di vertice, rischiano di passare insecondo piano per via delle resistenze britannichesull’accordo raggiunto questa mattina sul programma dibilancio settennale dell’Unione europea. La Gran Bretagna inparticolare ha chiesto rassicurazioni sul ‘rebate’, ilrimborso concesso agli stati che contribuiscono di piu’economicamente al funzionamento dell’Ue e ottengono meno intermini economici. Londra teme infatti che con l’attualeaccordo possa non ottenere quanto gli spetterebbe da accordisottoscritti a febbraio (circa 3,5 miliardi di euro), cheprevedono che i rimborsi non siano rimessi in discussione. Illinguaggio utilizzato per l’accordo annunciato stamattina nonpiace ai britannici che vogliono riscrivere l’accordo. Lasituazione per certi versi era annunciata: al suo arrivo alConsiglio Cameron aveva detto ai cronisti che ”non cimuoveremo dagli accordi raggiunti a febbraio, e proteggeremofino in fondo lo sconto britannico”. La posizione di Londraha determinato uno slittamento di circa un’ora e un quartodell’inizio dei lavori: i capi di Stato e di governo si sonoriuniti intorno alla le 19:30 rispetto alle previste 18:15.

Il tema e’ delicato, perche’ senza intese sul bilanciosettennale diventa impossibile mobilitare i sei miliardi dieuro per i giovani previsti dal programma ”Youth guaranteeinitiative” individuato all’interno della bozza di bilancio2014-2020. Questi sei miliardi sono composti da fondi europei(tre miliardi) e da risorse messe dagli stati (tremiliardi).

bne/cam

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su