Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Banche: all’Ecofin slitta accordo su ‘fallimento ordinato’ (1Upd)

colonna Sinistra
Sabato 22 giugno 2013 - 16:22

Banche: all’Ecofin slitta accordo su ‘fallimento ordinato’ (1Upd)

(ASCA) – Roma, 22 giu – I ministri delle Finanze dell’Unioneeuropea non sono riusciti a trovare un accordo questa nottesu un meccanismo unico di ‘fallimento ordinato’ delle banche.

Lo rendono noto fonti diplomatiche.

Dopo 18 ore di negoziati, i ministri hanno deciso diaggiornare la questione a mercoledi’. ”Abbiamo percorso il 90% del cammino e siamo vicini ad unaccordo: ci rincontreremo mercoledi”’, ha spiegato ilministro francese Pierre Moscovici, secondo cui ”mancanopochissimi punti da risolvere”.

Riuniti a Lussemburgo, i ministri hanno tentato di trovareuna convergenza di vedute sulle regole comuni da adottare perliquidare le banche in difficolta’ senza fare appello aicontribuenti. I ministri dell’Economia e delle Finanze deiVentisette ci riproveranno dunque mercoledi’.

”Pensavo che quella di oggi sarebbe stata l’ultimariunione dell’Ecofin a dover presiedere”, il commento diMichael Noonan, ministro delle Finanze dell’Irlanda, paesecon la presidenza di turno del Consiglio Ue fino a finegiugno. ”Se non ci sara’ un accordo mercoledi’, certamentesara’ trovato sotto presidenza lituana”, ha aggiunto. Sitratterebbe di uno scenario non certo positivo, dato che laquestione dovrebbe essere all’attenzione dei capi di Stato edi governo la prossima settimana sul tavolo del vertice delConsiglio europeo. Senza nemmeno una discussione di unprogramma finito, l’appuntamento del 27 e 28 giugnoacquisterebbe tutt’altra valenza. Per questo il 26 giugno sitenta l’accordo ‘last-minute’. A dividere, ha spiegatol’irlandese Noonan, e’ la flessibilita’. ”I paesi dell’Eurohanno il fondo salva-Stati permanente Esm, e i paesi che nonhanno l’Euro hanno bisogno di piu’ flessibilita’ perche’ nonhanno accesso all’Esm”. Nel progetto di unione bancarial’Esm puo’ intervenire per iniettare liquidita’ nelle banchein difficolta’ (tetto di 60 miliardi, come decisodall’Eurogruppo), ma solo in quelli dell’Eurozona. ”E’ unaquestione tra paesi Euro e paesi non Euro”, ha ribaditoNoonan.

rba-bne/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su