Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Cgil, dati Cig sempre piu’ pericolosi. Sabato 22 in piazza

colonna Sinistra
Venerdì 14 giugno 2013 - 14:34

Crisi: Cgil, dati Cig sempre piu’ pericolosi. Sabato 22 in piazza

(ASCA) – Roma, 13 giu – ”L’andamento della cassaintegrazione si rivela sempre piu’ pericoloso. Nel dato dimaggio leggiamo infatti tutti gli sviluppi negativi legatiallo strumento della cassa in deroga e che sono uno deiprincipali motivi per i quali sabato 22 giugno saremo inpiazza a Roma con Cisl e Uil dietro le parole ‘Lavoro e’democrazia”’. E’ quanto afferma il segretario confederaledella Cgil, Elena Lattuada, in merito ai dati diffusi oggidall’Inps.

Per la dirigente sindacale ”serve un effettivofinanziamento dello strumento degli ammortizzatori in deroga.

Il calo registrato lo scorso mese dalla cassa in deroga e’infatti di certo non imputabile ad un minore ricorso a questostrumento ma ad una concreta mancanza di risorse. Motivi peri quali il governo deve al piu’ presto procedere allaripartizione del miliardo di risorse individuato perfinanziare la cassa integrazione e mobilita’ in deroga tra leregioni. Un processo da avviare subito per dare urgentirisposte a migliaia di lavoratrici e di lavoratori in estremadifficolta”’. Quanto al complessivo andamento della cassa,aggiunge, ”il calo della ordinaria compensato dallastraordinaria ci dice che ci avviciniamo velocemente allasoglia del miliardo di ore anche per il 2013. Segnaliinequivocabili di un sistema produttivo ancorapericolosamente in caduta”. Secondo Lattuada ”e’ il lavoro la vera emergenza e gliammortizzatori sociali, pur essendo in questo momento vitali,non sono il modo per immaginarsi un futuro. Cosi’ comelimitarsi ad intervenire sulle regole, senza una politica cherilanci la domanda interna, non ci portera’ lontano. La crisie’ ancora in una fase profondissima, serve l’adozione di unapolitica industriale che tuteli e rilanci la naturamanifatturiera della nostra economia, che salvaguardil’occupazione e il prezioso patrimonio che le lavoratrici e ilavoratori di questo paese costituiscono”.

com-sen/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su