Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Bnl (Bnp Paribas): Ajassa, a Brescia giovani disoccupati al 23%

colonna Sinistra
Mercoledì 12 giugno 2013 - 12:44

Bnl (Bnp Paribas): Ajassa, a Brescia giovani disoccupati al 23%

(ASCA) – Roma, 12 giu – Bnl Gruppo Bnp Paribas dedica alleimprese del territorio bresciano un seminario gratuito diin-formazione finanziaria nell’ambito del ciclo di incontriEducare. L’incontro, dal titolo ”Il nuovo contesto: qualiopportunita’ per le imprese”, si tiene oggi, presso ilNovotel di via Nenni e fa il punto sui temidell’internazionalizzazione e delle reti d’impresa comeopportunita’ di crescita per le imprese.

”La necessita’ di una ripresa si avverte forte in territoricome quello bresciano dove il tasso di disoccupazionegiovanile, pur rimanendo significativamente piu’ basso deldato nazionale, e’ passato dal 6% del 2008 al 23% della mediadel 2012, e le sofferenze bancarie, a causa della recessione,sono aumentate di diciotto punti percentuali nel volgeredello scorso anno”. Cosi’ il responsabile del ServizioStudi di Bnl, Giovanni Ajassa, che interviene a propositodelle prospettive del contesto macro economico locale.

”In attesa che l’Europa torni concretamente a essere piu’amica della crescita e del lavoro, la sfida e’ quella dellainnovazione. L’innovazione – prosegue Ajassa – serve peresportare e serve per creare nuovi propulsori di domandainterna. Piu’ innovazione e’ possibile mettendosi insiemeovvero facendo rete su progetti vincenti tra imprese dipiccola e media dimensione. E’ un’esperienza che trova esempidi successo su questo territorio. Alla fine del primotrimestre di quest’anno le imprese della provincia di Bresciaassociate con contratti di rete ex-legge 122/2010 erano circaduecento, poco meno del cinque per cento del totale nazionalee quasi un quinto delle 990 imprese ”retiste’ oggi presentiin Lombardia.” ”Nel 2012 a Brescia l’export verso i piu’dinamici mercati extra-UE – conclude Ajassa – ha segnato unacrescita di circa cinque punti percentuali rispetto a un calodi cinque punti delle vendite verso i paesi dell’Unioneeuropea. Reti, innovazione, internazionalizzazione sono leveper rendere concreto uno scenario di ripresa che punti anuovi ”driver’ di sviluppo e all’export verso le aree delmondo che continuano a crescere. L’expo’ 2015 di Milanodedicata alle grandi sfide dell’alimentazione e dellasostenibilita’ rappresenta un’occasione preziosa per lavorarea un modello di rilancio che proietti verso il futuro lequalita’ bresciane e lombarde dell’imprenditoria e dellavoro”.

com-ram

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su