Header Top
Logo
Venerdì 17 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Kyenge, integrazione porta crescita e benessere

colonna Sinistra
Sabato 8 giugno 2013 - 11:03

Crisi: Kyenge, integrazione porta crescita e benessere

(ASCA) – Santa Margherita Ligure (Ge), 8 giu -”L’integrazione e’ fattore di sviluppo economico e dicrescita del benessere”.

Ne e’ convinto il Ministro dell’integrazione, Cecile Kyenge,che nel corso del suo intervento al Fourm dei giovani diConfindustria ha chiarito che anche nel mondo del lavoro epiu’ in generale nel contesto economico ”la disuguaglianzae’ una catena, e’ una zavorra, che non fa male solo a chi stadalle parte svantaggiata ma danneggia anche chi e’favorito”. Insomma, secondo il ministro, per riagganciare la ripresa”non e’ sufficiente puntare solo sulla crescita economica,perche’ genera disuguaglianze come lavoro nero ed evasionefiscale, fattori che comportano disagio sociale, ansia edesasperazione. Una forte disuguaglianza sociale offende laliberta’ perche’ sperpera il piu’ importante dei capitali,quello umano”.

La Kyenge e’ convita che per tornare a crescere il Paesedeve scomettere tanto sui cittadini italiani quanto su quelliimmigrati: ”L’unione delle forze sane del Paese e’necessaria, dobbiamo remare tutti nella stessa direzione. Lanostra e’ una societa’ meticcia ed e’ utile riflettere sulcontributo che possono offrire immigrati”.

Perche’ gli immigrati, ha insistito ancora il ministro,”sono lavoratori, contribuenti, consumatori e imprenditori.

Bisogna evitare il rischio di una concorrenza al ribasso traimmigrati e popolazione autoctona. Tra vecchi e nuoviitaliani possono nascere sinergie. Sarebbe proficuo metterein comune radicamento sul territorio dell’autoctono con lacapacita’ di relazionarsi all’estero degli immigranti”. fcz/vlm/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su