Header Top
Logo
Domenica 30 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Tajani, turismo e infrastrutture per far ripartire l’Italia

colonna Sinistra
Venerdì 7 giugno 2013 - 10:02

Crisi: Tajani, turismo e infrastrutture per far ripartire l’Italia

(ASCA) – Roma, 7 giu – Puntare su turismo e infrastruttureper far ripartire l’Italia: e’ il monito lanciato oggi dalvice presidente della Commissione Ue, responsabile perl’Industria e l’Imprenditoria, Antonio Tajani, durante unconvegno all’aeroporto di Comiso inaugurato la scorsosettimana.

Parlando dal prossimo scalo siciliano, il quarto inregione, dopo Palermo, Catania e Trapani, Tajani ha dunquericordato come sia stato il meridione a subire i”contraccolpi piu’ pesanti” della crisi, con ”un giovanesu due” senza un lavoro e ”sei punti di Pil persi negliultimi 5 anni”. ”Se a livello nazionale nel 2012 sono venuti meno 44miliardi di finanziamenti alle imprese italiane, il creditcrunch al Sud – ha proseguito il commissario – ha avutoeffetti a dir poco disastrosi”.

Un ”declino industriale” al quale ”l’Europa deveopporsi con forza”, poiche’ ad oggi ”ha erosocompetitivita’ e occupazione”. Per questo, ha aggiuntoTajani, il nuovo aeroporto di Comiso rappresenta”un’infrastruttura da valorizzare” e attraverso cui”attuare un ‘piano crescitap per il Sud in una dimensioneeuropea”. La ricetta del vice presidente prevede ”un miglioreutilizzo dei fondi strutturali. In Sicilia – ha ricordato -il rinascimento industriale significa un’industria delturismo moderna, infrastrutture adeguate, tutela delterritorio e dei beni artistici e, sinergia conagroalimentare, logistica, tessile o artigianato”.

Secondo Tajani ”la vera sfida e’ intercettare lacrescente domanda dal nuovo ceto medio in Brasile, India,Cina o Russia. Per questo serve anche per la Sicilia maggiorecapacita’ strategica e innovazione”.

Poi, evidenziando la ”nuova strategia europea del turismoadottata nel 2010”, Tajani ha ribadito l’importanza di ”5priorita”’, come ”facilitazione dei visti,destagionalizzazione, qualita’, promozione e formazione”. Quanto servirebbe alla Sicilia affinche’ possa tornare adessere leader del meridione e rilanciare la crescita in tuttoil territorio.

rba/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su