Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Coppola: presenteremo opposizione a fallimento Gruppo Immobiliare 2004

colonna Sinistra
Venerdì 24 maggio 2013 - 19:01

Coppola: presenteremo opposizione a fallimento Gruppo Immobiliare 2004

(ASCA) – Roma, 24 mag – ”Gruppo Immobiliare 2004 S.p.A. e’stata fatta fallire per 270 milioni di debiti fiscali ‘subjudice’, 220 milioni di quali sono stati impugnati e sospesidal giudice tributario mentre per i restati 50 milioni c’erala richiesta di rateizzarne il pagamento, ma l’Agenzia delleentrate, dopo ‘aver ventilato’ la possibilita’ di accordarela rateizzazione, ‘ha inspiegabilmente mutatoatteggiamento”’. Questa la replica di Danilo Coppola allasentenza del tribunale di Milano che ha dichiarato ilfallimento della societa’ del gruppo Coppola GruppoImmobiliare 2004. In una nota Coppola sottolinea che ”l’asserito credito di270 milioni ‘proviene esclusivamente da avvisi diaccertamento talmente infondati’ che sono stati impugnati esospesi dal giudice per 220 milioni. I rimanenti 50 milionicirca, anch’essi impugnati e per i quali l’udienza per lasospensione e’ fissata al prossimo 24 giugno, ‘riguardanoun’operazione di acquisto e vendita di titoli con unaplusvalenza di circa 5 milioni di euro; tramite il solitoavviso di accertamento, l’Agenzia delle Entrate ha richiesto50 milioni di euro, non tenendo conto del costo di acquistodelle stesse azioni”’. ”Il fallimento – sostiene Coppola – e’ stato chiestoproprio per questa insolvenza, per la quale i legalidell’imprenditore avevano chiesto al Tribunale Fallimentaredi attendere la prossima pronuncia della CommissioneTributaria sulla sospensiva. Ma il tribunale ha decisodiversamente”. Coppola ricorda inoltre che ”del debito di 210 milionisospeso, 160 milioni sono gia’ stati pagati, da qui larichiesta di rateizzare i restati 50 milioni non accettatadall’Agenzia delle Entrate”. ”Come gia’ avvenuto oramai piu’ volte – conclude Coppola- dimostreremo presentando opposizione al fallimento, che lasocieta’ non e’ insolvente e non doveva fallire,sottolineando che la societa’ per cui oggi si e’ dichiaratoil fallimento non ha altri creditori che possano giustificareuna decisione di questo genere”.

red/glr

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su