Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Prometeia, nel 2013 punto minimo per industria manufatturiera

colonna Sinistra
Giovedì 23 maggio 2013 - 17:15

Crisi: Prometeia, nel 2013 punto minimo per industria manufatturiera

(ASCA) – Milano, 23 mag – Il 2013 e’ l’anno che segnera’ ilpunto minimo dell’attivita’ produttiva dell’industriaitaliana.

Il ‘Rapporto-Analisi dei Settori Industriali’ elaborato daPrometeia in collaborazione con Intesa Sanpaolo prevede perfine 2013 una contrazione del fatturato complessivo delsistema industriale italiano complessivamente pari all’8%.

Tradotto in cifre, significa che il giro d’affaridell’industria nazionale si sara’ ridotto a fine anno di 56,5miliardi di euro, vanificando il recupero del biennioprecedente e facendo segnare un dato inferiore a quello difine 2009. Molto dipende dal crollo della domanda interna siain termini di consumi che di investimento, una contrazionesolo parzialmente controbilanciata dal recupero dell’exportdestinato a migliorare nel corso dell’anno.

Le difficolta’ travolgono tutti i settori delmanufatturiero nazionale, compresi i comparti normalmentecaratterizzati da un trend poco ciclico, come alimentare ebevande, largo consumo e farmaceutica. In miglioramentochimica, meccanica e matallurgia, comparti che comunquerestano in segno negativo. I piu’ penalizzati sono invece isettori legati ai beni durevoli: auto, moto, mobili,elettrodomestici, prodotti e materiali per le costruzioni. Inun contesto complessivamente negativo, va meglio per leimprese di medie dimensioni, quelle cioe’ con maggioricapacita’ di investimento e maggiori produttivita’ delcapitale investito. Soltanto in settori tradizionali del Madein Italy, come alimentare e sistema moda, impreserelativamente piccole riescono a ottenere buoni risultati conprodotti di nicchia o di alta gamma. fcz/sam/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su