Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Pmi: accordo Unioncamere-Cotec-Cnr per innovazione

colonna Sinistra
Martedì 21 maggio 2013 - 11:58

Pmi: accordo Unioncamere-Cotec-Cnr per innovazione

(ASCA) – Roma, 21 mag – Unioncamere, attraverso la suasocieta’ del sistema camerale Dintec, Cotec (Fondazione perl’innovazione tecnologica) e il Cnr hanno siglato unaConvenzione nel quadro di un piu’ ampio Accordo per favorirela realizzazione di azioni comuni per lo sviluppo scientificoe tecnologico del Paese, con particolare riferimento alsistema delle Pmi. I dati dell’Osservatorio Unioncamere-Dintec sui brevettiindicano infatti che esistono almeno 1.000 scopertescientifiche e tecnologiche, frutto della ricerca pubblicaitaliana, depositate presso l’Ufficio europeo dei brevetti(EPO), che potrebbero venire sfruttate dalle imprese, dandoottimi risultati in termini di realizzazione di nuoviprodotti o di miglioramento (e risparmi) dei processiindustriali. Tuttavia la loro conoscenza da parte del sistemaproduttivo, soprattutto delle piccole e medie imprese, e’assai limitata o, quanto meno, e’ ridottissima laconsapevolezza delle potenziali applicazioni multisettorialiche ciascuna tecnologia, tutelata attraverso brevetto,potrebbe trovare. Perche’ e’ possibile che, ad esempio,un’innovazione nel campo delle biotecnologie (ambito nelquale esistono gia’ 204 richieste di brevetto europeo fruttodella ricerca italiana) torni utile alle imprese agricole o aquelle della green economy, oppure un brevetto farmacologico(131 le richieste italiane all’EPO) venga sfruttato perrealizzare un nuovo prodotto cosmetico.

Il progetto prevede una prima fase nella quale verrannoelaborati i modelli di schede da inserire nel sistemainformativo e in cui verra’ progettata l’attivita’ dicomunicazione e di pianificazione economico-finanziaria. Irisultati di questa fase pilota verranno presentati ilprossimo giugno in occasione della Giornata dell’innovazione,evento pubblico al quale prendera’ parte il Presidente dellaRepubblica.

L’auspicio dei sottoscrittori della Convenzione, che peril momento verra’ attuata e sperimentata per il Consiglionazionale delle ricerche, partendo proprio dai 117 brevettieuropei depositati all’EPO dal Cnr, e’ che esso diventi unostrumento valido per tutto il sistema della ricerca pubblica,attraverso l’adesione di altri soggetti, a partire dalleUniversita’ e dagli altri Enti pubblici di ricerca.

com-sen/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su