Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Coldiretti: eta’ media classe dirigente Italia 58 anni. Piu’ alta in Ue

colonna Sinistra
Martedì 21 maggio 2013 - 10:05

Coldiretti: eta’ media classe dirigente Italia 58 anni. Piu’ alta in Ue

(ASCA) – Roma, 21 mag – L’eta’ media della classe dirigenteitaliana impegnata nelle politica, nell’economia e nellapubblica amministrazione e’ di 58 anni, la piu’ alta tratutti i Paesi europei. E’ quanto emerge dal secondo reportsull’eta’ media della classe dirigente italiana, presentatonel corso dell’Assemblea dei giovani della Coldiretti erealizzato in collaborazione con il Gruppo 2013. ”Il forte ringiovanimento che ha interessato la classepolitica impegnata nelle istituzioni non ha coinvolto -sottolinea la Coldiretti – i potenti impegnati nelle altreattivita’, che sono molto piu’ anziani rispetto ai partnercomunitari”. ”A conquistare il triste primato dell’anzianita’ nelmomento economicamente piu’ difficile per l’Italia daldopoguerra sono – sottolinea la Coldiretti – le banche, chehanno una eta’ media degli amministratori delegati e deipresidenti di circa 69 anni, addirittura piu’ elevata diquella dei Vescovi italiani in carica. Seguono da vicino ipresidenti dei Tribunali delle citta’ capoluogo di Regione,che hanno in media oltre 65 anni, con 9 casi su 20 chesuperano i 70 anni e solo 2 presidenti che hanno meno di 50anni”.

”A preoccupare particolarmente – conclude la Coldiretti -e’ anche il mondo della formazione, con i professoriuniversitari italiani che hanno una media di 63 anni, i piu’anziani del mondo industrializzato. Un quarto dei professoriha piu’ di 60 anni contro poco piu’ del 10 per cento inFrancia e Spagna e l’8 per cento in Gran Bretagna”. ”Con il record della disoccupazione giovanile la crisi siaggrava perche’ non si rinnova la classe dirigente italiana evengono a mancare idee, energie e risorse nuove fondamentaliper la crescita del Paese”, afferma il delegato nazionaledei giovani della Coldiretti Vittorio Sangiorgio nelsottolineare che ”la disoccupazione giovanile e’ uno sprecoche l’Italia non puo’ permettersi”.

com-fgl/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su