Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Media: politica fa sempre piu’ uso di Internet

colonna Sinistra
Sabato 18 maggio 2013 - 11:48

Media: politica fa sempre piu’ uso di Internet

(ASCA) – Roma, 18 mag – La politica fa sempre piu’ uso diInternet e delle nuove tecnologie, ma il rapporto trapolitica e Internet resta difficile e in pochi analizzano laquestione per capire fino in fondo i complicati meccanismiche ne determinano il positivo funzionamento cooperativo. Conla prospettiva di approfondire anche nei prossimi numeri,Media Duemila ne parla con Alberto Marinelli, professoreordinario, docente in sociologia dei processi culturali ecomunicativi e Teorie e tecniche della comunicazione e deinuovi media della Sapienza, Universita’ di Roma. E’ quantopubblica la newsletter mediaduemila in corso di diffusione.

Ma Twitter puo’ veramente sostituirsi alla democrazia? ”Innessuna maniera – dice Marinelli – e in particolar modo inItalia, perche’ Twitter non e’ assolutamente rappresentativoin questo momento. Neanche negli Stati Uniti, nel paese dovee’ piu’ diffuso, si possono fare discorsi di questo tipo. Ledemocrazie sono sistemi politici basati su procedurecostituzionalmente stabilite e su altre regole diapplicazione votate dai rami del Parlamento e approvate,pensiamo alle leggi elettorali. Questa e’ una delle piu’grandi deformazioni che si e’ diffusa negli ultimi tempi ecavalcata dal successo del Movimento 5 Stelle, ma e’ unadeformazione assolutamente molto rischiosa. Twitter e’ unostraordinario attivatore di coscienze, e’ uno straordinarioselettore di temi su cui dibattere, e’ uno straordinariosistema in cui le persone si scambiano opinioni spesso inmaniera molto decisa, ruvida, sulle persone, sui temi, suicontenuti, non e’ un sistema elettorale. Se togliamo questoprimo equivoco risolviamo una parte del problema. Torniamoalla democrazia liquida, termine che probabilmente rimandaad un’espressione giornalistica e al fatto che sia Grillo chealtri fanno riferimento a una piattaforma che si chiamaLiquid feedback, una piattaforma sviluppata da un nucleo delpartito pirata in Germania. Anche qui se noi interpretiamosistemi di questo tipo come meccanismi opportuni diconsultazione, di attivazione del dibattito, disollecitazione delle migliori idee, di confronto e, sevogliamo ricorrere a un vecchio termine, di sviluppo diintelligenza collettiva o cooperativa, siamo assolutamented’accordo ed e’ questa, infatti, la funzione della democraziaelettronica (e-democracy)”.

http://www.mediaduemila.it/?p=12992
m2-ram/sam/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su