Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Fondazione Mps: Mancini, approvazione statuto non era rinviabile

colonna Sinistra
Venerdì 17 maggio 2013 - 15:28

Fondazione Mps: Mancini, approvazione statuto non era rinviabile

(ASCA) – Siena, 17 mag – L’approvazione del nuovo Statutodella Fondazione Mps era ”improcrastinabile” e da fare”senza ulteriori rinvii” visti anche gli ”inviti” molto”pressanti” da parte dell’autorita’ di vigilanza. Cosi’ il presidente di FMps, Gabriello Mancini, e ildirettore generale (provveditore) Claudio Pieri, intervengonosulle polemiche scatenate dopo l’approvazione del testo delnuovo Statuto ora all’attenzione del Ministero dell’Economiae delle Finanze, preposto all’autorizzazione finale.

”Le strumentalizzazioni politiche a fini elettorali cheispirano talune prese di posizione sul varo da parte dellaDeputazione Generale del nuovo Statuto della Fondazione Montedei Paschi – affermano in una nota – impongono alcunichiarimenti circa la necessita’ e i motivi improcrastinabiliper i quali si e’ dovuto procedere senza ulteriori rinvii”.

Questo per tre fattori: ”la legge 41 del 2012 sulleincompatibilita’, che impone un adeguamento su questo tema”,quindi ”il varo, lo scorso anno, della Carta delleFondazioni, promossa dall’Acri, l’associazione delleFondazioni di origine bancaria, che impegna gli aderenti arecepire entro il 30 giugno prossimo alcuni principifondamentali in tema di governance, di requisiti eincompatibilita’, di attivita’ istituzionale e di gestionedel patrimonio” e l’adeguamento alla ”sentenza della CorteCostituzionale 301 del 2003 che in termini di governanceprevede che gli enti istituzionali del territorio non sianoprevalenti nell’organo di indirizzo, garantendo unaqualificata, ma equilibrata rappresentanza degli enti,pubblici e privati, espressioni della realta’ locale”.

Se e’ vero che sono passati, da quella sentenza, diecianni, ”finora – precisano Mancini e Pieri – non c’erano maistati inviti cosi’ pressanti dall’autorita’ di vigilanza,solo saltuarie segnalazioni e sottolineature di tale anomalia(pero’ nessuna illegittimita’, sia chiaro, come qualcuno hainvece sostenuto). Inviti ora impossibili da non accogliereproprio in ragione del sopravvenire degli altri due elementidi novita’ sopra citati. Dunque c’e’ stato un preciso input aintervenire e a non procedere alle nuove nomine senza avermodificato e adeguato alcune norme statutarie. Un ulterioreindugio sarebbe stato impossibile”.

afe/sam/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su