Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Imu: Cgia, senza rinvio per capannoni +51% sulle imprese

colonna Sinistra
Giovedì 16 maggio 2013 - 17:23

Imu: Cgia, senza rinvio per capannoni +51% sulle imprese

(ASCA) – Roma, 16 mag – ”Nonostante sembra essere sfumatal’ipotesi che nel Consiglio dei Ministri di domani slittianche la prima rata dell’Imu sui capannoni, noi rimaniamofiduciosi. Il giorno cruciale sara’ mercoledi’ 29 maggio. Sein quella data la Commissione europea chiudera’ il processodi infrazione per eccesso di deficit contro il nostro Paese,secondo quanto dichiarato nelle settimane scorse dal ministroSaccomanni, il nuovo Governo avra’ a disposizione 12 miliardidi euro per poter abbassare l’Imu sulla prima casa e sulleattivita’ produttive, scongiurare l’aumento dell’Iva previstoper il prossimo luglio ed ammorbidire la Tares che,altrimenti, per le famiglie e le imprese sara’ una vera epropria stangata”. Questo e’ il commento di Giuseppe Bortolussi segretariodella CGIA di Mestre. Per 38 comuni capoluogo di Provincia su 101 presi in esamedalla CGIA, l’incremento della prima rata sara’ addiritturadel 51%. Gli aumenti piu’ significativi si registreranno a LaSpezia (+3.647 euro rispetto al 2012), a Taranto (+1.736euro) e a Brescia (+1.472 euro) I calcoli, segnala la CGIA,sono stati realizzati considerando la rendita catastale mediadei capannoni di ciascun Comune capoluogo di Provincia.

Inoltre, si e’ considerata la nuova base imponibile riferitaal 2013 che, rispetto al 2012, e’ aumentata a seguitodell’incremento di 5 punti del coefficiente moltiplicatoreche passa da 60 a 65. Per calcolare il versamento della primarata che gli imprenditori hanno pagato a giugno 2012 si e’considerata l’aliquota base del 7,6 per mille, come stabilivala normativa. Per misurare quanto verseranno gli imprenditorifra poco piu’ di un mese la Cgia ha tenuto conto dellanovita’ introdotta nei giorni scorsi dalla CommissioneBilancio: ovvero, la prima rata dell’Imu dovra’ prevedere ilversamento del 50% dell’imposta pagata complessivamentel’anno scorso, a meno che non sia gia’ stata pubblicata nelsito del Dipartimento delle Finanze l’aliquota vigente per il2013. red/cam

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su