Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Imprese: Coldiretti, paura bancarotta frena 4 italiani su 10

colonna Sinistra
Giovedì 9 maggio 2013 - 15:00

Imprese: Coldiretti, paura bancarotta frena 4 italiani su 10

(ASCA) – Roma, 9 mag – Quattro italiani su dieci hanno pauradel rischio di andare in bancarotta nel caso di avvio di unanuova attivita’ imprenditoriale. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti, sullabase dei dati Eurobarometro pubblicati nel 2013, divulgata inoccasione dell’Assemblea di Rete Imprese Italia. A frenare l’apertura di nuove attivita’ economiche (PMI)in Italia concorre – sottolinea la Coldiretti – anche ilrischio di perdere la proprieta’ o la casa (32%) mentre il27% teme di non avere un reddito garantito. Eppure – precisa la Coldiretti – quasi la meta’ degliitaliani (44%) se potesse scegliere tra diversi tipi dilavoro preferirebbe impegnarsi in proprio piuttosto cheessere dipendente di una azienda, una percentuale piu’ altarispetto alla media comunitaria del 37%. Una tendenza, questa, confermata dal fatto che il 40%degli italiani desidererebbe diventare imprenditore neiprossimi cinque anni, nonostante le difficolta’. Il sistemaimprenditoriale italiano, fondato sulla piccola media impresa(Pmi), gode – sostiene la Coldiretti – di una altaconsiderazione sociale a livello nazionale con l’88% deicittadini che lo ritengono importante per creare lavoro e il78% che lo giudica positivamente perche’ realizza nuoviprodotti e servizi per il bene di tutti. Un patrimonio a rischio come conferma l’allarme lanciatodalla Bce sul fatto che le piccole e medie imprese italiane espagnole sono al ‘top’ nell’Eurozona per quanto riguarda ilpeggioramento di utili e fatturato nel periodo fra ottobre2012 e marzo 2013. Un problema che riguarda anche il settore primario nelquale il saldo tra nuove iscrizioni e chiusure di impreseagricole e’ risultato – sottolinea la Coldiretti – negativoper ben 13.106 unita’ nel primo trimestre del 2013. L’effetto credit crunch – conclude la Coldiretti – si fasentire anche nel settore agricolo dove il credito agrarioerogato alle aziende ha subito un taglio del 22% nel 2012 conil valore delle erogazioni sceso al livello piu’ basso dal2008.

com-stt/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su