Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Prelios: nel 1* trim perdita in calo a 18,5 mln

colonna Sinistra
Mercoledì 8 maggio 2013 - 14:30

Prelios: nel 1* trim perdita in calo a 18,5 mln

(ASCA) – Roma, 8 mag – Risultati negativi per Prelios nelprimo trimestre dell’anno per effetto di un mercato che nonpresenta variazioni positive rispetto all’andamentoregistrato nello scorso esercizio. Il contesto macroeconomicopermane infatti caratterizzato da segnali di incertezza sutempi e modalita’ di una ripresa generale e, in particolare,per il mercato immobiliare domestico persistono condizioni didebolezza, con il rallentamento del numero e delle dimensionidelle transazioni, su cui incidono negativamente costifinanziari elevati.

La societa’ accusa una perdita di 18,5 milioni, inmiglioramento rispetto al rosso di 23,7 milioni dell’analogoperiodo del 2012. Sul risultato netto pesano, in particolare,oneri finanziari per 10,6 milioni di euro, che, derivandoessenzialmente dalle condizioni dei precedenti finanziamenti,ancora non beneficiano degli effetti contabilidell’operazione straordinaria approvata dal Consiglio diAmministrazione di Prelios e comunicata al mercato il 27marzo scorso, che prevede tra l’altro la ricapitalizzazionedella societa’ – sottoposta all’approvazione dell’odiernaAssemblea degli azionisti – e la rimodulazione dell’attualeindebitamento, da cui conseguiranno minori oneri finanziaricon effetto retroattivo dal 1 gennaio 2013. I ricavi sonoammontati a 26,1 milioni rispetto 32,9 milioni del 2012mentre il risultato operativo e’ negativo per 3,4 milioni.

Sulle prospettive, il cda ritiene che, pur in un contestoeconomico-finanziario e del settore di riferimento chepermangono deboli, le azioni poste in essere e in corso diattuazione, possano consentire al Gruppo Prelios di operarein una situazione di continuita’ aziendale, grazie alrafforzamento patrimoniale della scieta’ e all’immissione dinuove risorse finanziarie conseguenti all’esecuzione deiprospettati aumenti di capitale nonche’ alla rimodulazionecomplessiva del debito finanziario, fornendo altresi’ allastessa, in una prospettiva evolutiva del contesto economico edi mercato, nuove prospettive di crescita e sviluppo grazieanche all’apporto di competenze e di nuove opportunita’ dibusiness.

red/did/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su