Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Auto: Ferrari (Anfia), realizzare Consulta per l’automotive

colonna Sinistra
Martedì 7 maggio 2013 - 16:21

Auto: Ferrari (Anfia), realizzare Consulta per l’automotive

(ASCA) – Torino, 7 mag – Il nuovo governo deve rilanciare ilprogetto e rendere operativa la Consulta per l’automotive,organo consultivo di supporto con la partecipazione di piu’ministeri competenti sul settore e con l’obiettivo didefinirne un piano strategico di medio periodo. E’ quanto hachiesto il presidente dei componentisti dell’Anfia MauroFerrari al convegno sulle prospettive della componentisticaitaliana svoltosi oggi a Torino ricordando che la discussioneera stata gia’ avviata con il governo Monti.

”La Consulta – ha detto Ferrari – dovrebbe diventarel’interlocutore privilegiato per i provvedimenti legislativiche riguarderanno il mondo della mobilita’, con il compito diattrarre investimenti, favorire la crescita dimensionaledelle imprese, sviluppare le roadmap tecnologiche per iveicoli a basse emissioni con lo scopo di promuovere l’Italiacome paese ideale per sviluppare le nuove tecnologie”.

Nel suo intervento Ferrari ha anche ricordato che ilfatturato della componentistica auto e’ sceso nel 2012attorno ai 37-38 miliardi, con una contrazione del 10-12% sul2011. Il settore si mantiene vitale con un tasso di ricerca esviluppo pari al 2,5% del fatturato e una bilanciacommerciale positiva per 7 miliardi. Ma su cui pesa lacontrazione della Fiat. Il calo di fatturato e’ infattidovuto quasi tutto alla flessione della produzione di auto inItalia che rappresenta il 55% del fatturato dellacomponentistica mentre l’export ha registrato una flessionedel 5,3%. Le auto prodotte in Italia, ha sottolineato Ferrarisono scese a 400mila unita’ nel 2012 (-18%) , con un rapportotra auto prodotte e auto immatricolate rimasto fermo al 28%.

Questo mentre Germania e Francia producono circa il doppiodelle loro immatricolazioni, la Francia e’ salita dall’88all’89% e la Gran Bretagna dal 69 al 72% pur in assenza di uncostruttore nazionale. Per questo ha sottolineato Ferraribisogna ridare competitivita’ al paese, agendo sul fisco acarico delle aziende e deille persone, sulla burocrazia,sulla macchina dello Stato inefficiente e costosa.

eg/mau/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su