Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Fiat: utile 1* trim cala a 31 mln, ma gruppo conferma target

colonna Sinistra
Lunedì 29 aprile 2013 - 16:00

Fiat: utile 1* trim cala a 31 mln, ma gruppo conferma target

(ASCA) – Roma, 29 apr – Il Gruppo Fiat ha chiuso il primo trimestre con un utile netto di 31 milioni di euro, in calo rispetto ai 262 milioni di euro nel primo trimestre 2012, rideterminati a seguito dell’adozione dell’emendamento allo IAS 19. La quota di risultato attribuibile agli azionisti della capogruppo e’ una perdita di 83 milioni di euro (un utile di 35 milioni di euro nel primo trimestre del 2012). Per Fiat esclusa Chrysler la perdita netta e’ in calo di 41 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2012, attestandosi a 235 milioni di euro. Il Gruppo conferma comunque gli obiettivi per il 2013, con ricavi nell’intervallo tra 88 e 92 miliardi di euro; un utile della gestione ordinaria nell’intervallo tra 4 e 4,5 miliardi di euro; un utile netto nell’intervallo tra 1,2 e 1,5 miliardi di euro e un indebitamento netto industriale di circa 7 miliardi di euro. I ricavi del Gruppo sono stati pari a 19,8 miliardi di euro, in calo del 2% in termini nominali ma in linea con lo stesso periodo dello scorso anno a parita’ di cambi di conversione. L’utile della gestione ordinaria del primo trimestre 2013 e’ stato pari a 618 milioni di euro, in calo rispetto agli 806 milioni di euro nel primo trimestre 2012, rideterminati a seguito dell’adozione dell’emendamento allo IAS 19. L’indebitamento netto industriale al 31 marzo 2013 era pari a 7,1 miliardi di euro, in crescita rispetto ai 6,5 miliardi di euro di fine 2012. Per Fiat esclusa Chrysler il debito netto industriale era di 5,7 miliardi di euro con un aumento di 0,7 miliardi di euro rispetto a fine 2012 dovuto interamente agli investimenti del periodo; tuttavia la crescita del debito netto industriale nel trimestre si e’ dimezzata rispetto a quella registrata nel primo trimestre del 2012. Chrysler ha ridotto il proprio debito netto industriale di 0,1 miliardi di euro a 1,4 miliardi di euro, con oltre 1 miliardo di euro di cash flow operativo in parte compensato da investimenti per 0,9 miliardi di euro. sen/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su