Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Lavoro: Cisl, dati Istat confermano disoccupazione in crescita da 2007

colonna Sinistra
Mercoledì 24 aprile 2013 - 18:00

Lavoro: Cisl, dati Istat confermano disoccupazione in crescita da 2007

(ASCA) – Roma, 24 apr – ”I dati Istat di oggi su occupati edisoccupati, con le serie storiche ricostruite dal 1977 al2012, oltre a segnalare come e’ cambiata negli anni lacomposizione all’interno del mercato del lavoro, evidenziacome il settore industriale, il Mezzogiorno ed i giovanihanno pagato il prezzo piu’ alto della crisi economica degliultimi 5 anni”. Lo dichiara in una nota Luigi Sbarra,Segretario confederale della Cisl, commentando i dati Istatdi oggi.

”Si evidenzia chiaramente come ormai il tasso didisoccupazione – continua Sbarra – sia in continua crescitadal 2007 con il contemporaneo calo dal 2008 ad oggi del tassodi occupazione. Il dato allarmante e’ la disoccupazione nelMezzogiorno che in 35 anni e’ quasi raddoppiata passando dal6,4% del 1977 al 10,7% e quella della giovanile (15-24 anni)che e’ arrivata al 35,3%, con la crescita maggiore sempre nelmezzogiorno arrivando a toccare il 46,9%. Se non ci sara’ uncambio di rotta immediato nei prossimi mesi, l’Italia rischiauna desertificazione industriale e di diventare un Paese chenon da’ piu’ speranza ai giovani”. Per Sbarra ”urgono interventi immediati per rimettere inmoto l’economia, partendo dalle infrastrutture ancora troppocarenti soprattutto al Sud, ed investimenti pubblico-privatiin innovazione e ricerca. Serve poi ridare priorita’ allavoro introducendo misure che restituiscano vitalita’ almercato del lavoro, come gli incentivi per le trasformazionidei contratti flessibili in stabili, il ripristino dellosgravio contributivo totale sugli apprendisti anche per leimprese sopra i 9 addetti”.

”Inoltre – conclude Sbarra – e’ necessario un contrattointergenerazionale con il part-time in uscita per ilavoratori anziani e la contestuale assunzioni di giovani chepotrebbe alleggerire alcune situazioni di crisi aziendali edare, cosi’, un segnale forte ai giovani”.

red/glr

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su