Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Prod industriale: Cisl, dati febbraio mostrano preoccupante stagnazione

colonna Sinistra
Mercoledì 10 aprile 2013 - 16:41

Prod industriale: Cisl, dati febbraio mostrano preoccupante stagnazione

(ASCA) – Roma, 10 apr – ”Il dato di febbraio sullaproduzione industriale anche se conferma la fine della fasepeggiore di caduta dei volumi produttivi, mostra tuttaviacome il sistema industriale sia entrato in una fase dipreoccupante stagnazione”. Lo ha detto Luigi Sbarra,Segretario Confederale della Cisl, commentando i dati diffusioggi dall’Istat, che mostrano una flessione dello 0,9%rispetto al trimestre precedente. ”I dati sulla produzione industriale – ha sottolineatoSbarra – rispecchiano, da un lato, una forte caduta deisettori che producono beni di investimento (in particolare laproduzione mezzi di trasporto) e dei settori legati alcomparto delle costruzioni, accanto ad una buona tenuta deisettori legati piu’ direttamente ai beni di consumo(alimentari, farmaceutica, abbigliamento). Cio’ dimostra chel’elemento principale della stagnazione industriale dipendesia dai vincoli del credito, sia dalle aspettative negativesulla ripresa della domanda pubblica, in particolare quellariferita alle infrastrutture”.

Per Sbarra ”l’approvazione del decreto per lo sbloccodel pagamento dei debiti della P.A., da noi fortementerichiesto, deve rappresentare il primo passo utile nelladirezione della ripresa, ma va reso uno strumentoimmediatamente esigibile dalla imprese tale che consenta lorodi avere la liquidita’ necessaria. Secondo il sindacalista ”non va dimenticato che lastagnazione trascina con se’ un numero crescente di impresein difficolta’ ed in crisi. La Cisl- ha concluso Sbarra-sara’ in piazza il prossimo 16 aprile per chiedere alGoverno, al Parlamento ed ai partiti, l’impegno di affrontareefficacemente le situazioni di crisi e la massimasollecitudine nel trovare le risorse necessarie perfinanziare la cassa integrazione in deroga, senza le quali citroveremo nei prossimi mesi ad affrontare una crisi socialepesantissima”.

red/glr

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su