Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Editoria: Carta e Web, l’integrazione e’ possibile

colonna Sinistra
Mercoledì 10 aprile 2013 - 16:08

Editoria: Carta e Web, l’integrazione e’ possibile

+++Anselmi (Fieg), ”Guardare il futuro stando attenti alfuturo”; Peluffo, ”Incentivare lettura ericonversioni”+++.

(ASCA) – Roma, 10 apr – Incentivi all’innovazione(rifinanziamento del credito agevolato e credito d’imposta),sostegno alla lettura (detassazione dell’acquisto di libri egiornali) e misure anticongiunturali (credito carta e creditoper investimenti pubblicitari sulla stampa): sono queste lerichieste avanzate dalle associazioni industriali dellaFiliera della carta nel corso della conferenza stampa su”Carta & Web: l’integrazione tra scelte strategiche etecnologiche”, svoltasi oggi a Roma presso PalazzoGiustiniani al Senato. Le Associazioni promotrici – Acimga,Aie, Anes, Argi, Asig, Assocarta, Assografici e Fieg – hannorichiamato l’attenzione sui problemi e sulle difficolta’ delsettore e sull’esigenza di idonee misure di politicaindustriale, necessarie per superare una crisi economica eproduttiva che si iscrive in quella piu’ ampia del Paese.

Alessandro Nova, dell’Universita’ Bocconi, nel presentarei dati complessivi del settore ha ribadito il valore dellaFiliera che, pur in un momento di forte recessione, harealizzato un saldo positivo della bilancia commerciale di3,7 miliardi di euro. ”Occorre guardare al futuro standoattenti al presente – ha sostenuto Giulio Anselmi, presidentedella Fieg – nell’ottica dell’integrazione tra carta e web.

Chi governera’ non dovra’ fare regali al settore, masostenere la transizione al digitale, privilegiando iprogetti rispetto ai soggetti, con grande attenzione allaqualita’ dell’informazione”.

Nel dibattito coordinato da Virman Cusenza, direttore del”Messaggero”, Paolo Peluffo, sottosegretario con delegaall’Editoria, ha sottolineato l’importanza dei recentiinterventi normativi in materia di sostegno all’editoria chemoralizzano il settore e aprono la strada all’innovazione eal sostegno della domanda.

”Siamo il Paese europeo con il piu’ basso sostegnopubblico all’editoria. Qui da noi il 54% della popolazionenon compre neppure un libro in un anno. Bisogna incentivarela lettura.

In passato abbiamo difeso il pluralismo, ora si tratta diaccompagnare la riconversione al digitale”, ha conclusoPeluffo. Paolo Culicchi, Presidente di Assocarta, haevidenziato il rischio che la rincorsa al digitale, nonaccompagnata da adeguate infrastrutture, comporti solo costisociali e perdita di posti di lavoro, come avvenuto con ilrecente Decreto Profumo sui libri scolastici.

L’onorevole Giorgio Lainati (Pdl) e l’ex senatore VincenzoMaria Vita (Pd) hanno infine condiviso le proposte avanzatedalla Filiera della Carta impegnandosi a sostenerlenell’attivita’ parlamentare, augurandosi il rapidoinsediamento di un nuovo governo.

red-gar/rf/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su