Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Centrella (Ugl), crollo potere acquisto famiglie non sorprende

colonna Sinistra
Martedì 9 aprile 2013 - 12:26

Crisi: Centrella (Ugl), crollo potere acquisto famiglie non sorprende

(ASCA) – Roma, 9 apr – ”Chi si sorprende di fronte al crollodel potere d’acquisto o al reddito disponibile delle famigliee’ in cattiva fede, perche’ l’Ugl denuncia tale progressivoimpoverimento almeno dall’entrata dell’euro in poi e da quasialtrettanto tempo ha sempre chiesto a governi di qualsiasicolore l’introduzione del quoziente familiare”. Lo dichiarail segretario generale dell’Ugl, Giovanni Centrella,commentando la pubblicazione del ”Reddito e risparmio dellefamiglie e profitti delle societa”’ dell’Istat. ”Se il mercato interno – aggiunge il sindacalista – e’ inuna stasi quasi irreversibile, lo dobbiamo anche ad unascellerata politica economica perpetrata per anni e votata alrigore, fatta di tasse e di tariffe scaricate sul ceto-mediobasso, cioe’ su coloro che vivono di solo reddito da lavoro oda pensione, senza compensazioni concrete o sufficienti ne’da un punto di vista salariale ne’ fiscale”. ”Visto che non si possono mettere soldi in tascadirettamente alle persone e considerata la crisi dilagante -conclude Centrella -, l’unico modo per risollevare lefamiglie dal loro stato di difficolta’, aiutando cosi’ anchela nostra economia, e’ attraverso una riforma fiscale cheintroduca il famoso quoziente familiare inizialmente a favoredei nuclei piu’ numerosi monoreddito o bireddito”.

com-sen/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su