Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Venerdì 5 aprile 2013 - 13:41

Cig: Cgil, dall’Inps dati drammatici

(ASCA) – Roma, 5 apr – ”L’ennesimo segnale di allarme per unsistema produttivo giunto allo stremo”. E’ quanto afferma ilsegretario confederale della Cgil, Elena Lattuada, in meritoai dati diffusi dall’Inps, circa il ricorso alla cassaintegrazione a marzo, sostenendo che ”i numeri dello scorsomese, e nel complesso quelli del primo trimestre, cidescrivono un tessuto industriale in fase di progressivo einesorabile deperimento, con interi pezzi che stannoletteralmente saltando”. Per la dirigente sindacale, ”senza grandi giri di parole,la fase e’ drammatica e lo dimostra ancora di piu’ il calodella cassa in deroga. Una flessione che sconta una normativafarraginosa ma, soprattutto, un’incertezza nei finanziamenti.

Motivi per i quali abbiamo deciso con Cisl e Uil di dare vitaa una manifestazione il prossimo 16 aprile a Roma davanti alParlamento. La cassa integrazione in deroga – afferma – vaassolutamente rifinanziata perche’ con le risorse al momentodisponibili non si arrivera’ che alla meta’ del 2013, mentreserve urgentemente almeno un altro miliardo”.

La Cgil, continua Lattuada, ”rivendica a governo eParlamento un intervento veloce e risolutivo che stanzi lerisorse necessarie per garantire a quei lavoratori unadeguato sostegno, cosi’ come servira’ presto una revisionecomplessiva dell’impianto della riforma del lavoro per quantoriguarda gli ammortizzatori sociali perche’ per i tanti,troppi, che hanno perso lavoro sia prevista una vitalecontinuita’ di reddito. Sono queste – precisa la sindacalista- le urgenze da affrontare e che partono da un sentire chedeve assolutamente essere comune, ovvero la centralita’ dellavoro come segno di un vero cambiamento. Per sostenere ilsistema produttivo, per difendere e creare lavoro, bisognainvestire su quest’ultimo: dando prospettive risolutive alletante vertenze industriali ancora insolute e offrendo unastrategia ai settori produttivi, privati e pubblici, chepossano portare l’Italia fuori dalla crisi”.

red/did/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su