Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Mps: Viola, bilancio 2012 di discontinuita’. Segnali ripresa commerciale

colonna Sinistra
Giovedì 4 aprile 2013 - 10:28

Mps: Viola, bilancio 2012 di discontinuita’. Segnali ripresa commerciale

(ASCA) – Firenze, 4 apr – Quello del 2012 per Mps e’ ”unbilancio di grande discontinuita”’ e pur nel ”contestodifficile” ci sono ”segnali di ripresa commerciale”.

Lo afferma Fabrizio Viola, Ad di Mps, in una intervista a’Repubblica Firenze’. Al Monte, assicura l’Ad, non c’e’ ”nessuna fuga deidepositi. A febbraio abbiamo subito una flessione dellaraccolta diretta per alcuni miliardi, che rappresentano unapercentuale ridotta della raccolta diretta complessiva dellabanca fatta di depositi e sottoscrizione di obbligazioni. Maa marzo i risultati della raccolta diretta sono estremamentepositivi e recuperano in misura significativa la perdita difebbraio”. Viola rileva invece ”diverse segnalazioni dicomportamenti particolarmente aggressivi da parte dellaconcorrenza, che enfatizzavano le presunte difficolta’ dellanostra banca”. A proposito del bilancio 2012, chiuso con un ‘rosso’, di 3,1miliardi, il manager afferma che e’ stato ”un bilancio digrande discontinuita’ con il passato, che ha avutol’obiettivo di allineare i valori contabili a quelli dellaconsistenza patrimoniale effettiva: abbiamo lavorato sulportafoglio finanziario, oggi adeguatamente valutato,correggendo ”errori” – chiamiamoli errori tra virgolette -determinati dagli strutturati Alexandria e Santorini ereimputando le relative perdite la’ dove andavano inseritefin dall’inizio. La riduzione dei costi proseguepositivamente e cogliamo segnali di ripresa commerciale purnel contesto difficile in cui Mps ha dovuto operare”. Per quanto riguarda l’esternalizzazione del back office,Viola spiega che ”siamo all’avvio della procedura, piu’ cheun bando si tratta della selezione di un partner che abbiacerte caratteristiche e condivida il progetto. E mi piacedefinirla, invece di esternalizzazione, una joint-venture conun operatore per sviluppare alcune attivita’, un’operazioneassistita da garanzie contrattuali e occupazionali”. Viola conclude assicurando che il management lavora per”ricostruire una banca solida, trasparente e redditizia” eche, dopo l’azione di responsabilita’ gia’ avviata perGiuseppe Mussari e Antonio Vigni, ”non ci fermeremo qui. Nonesiteremo ad agire ancora nelle sedi civili e penali controaltri soggetti e per ulteriori questioni. E anche questotutela banca e azionisti”.

afe/red

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su