Header Top
Logo
Venerdì 24 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Abete, subito sblocco pagamenti PA e incentivi nuovi occupati

colonna Sinistra
Venerdì 15 marzo 2013 - 08:33

Crisi: Abete, subito sblocco pagamenti PA e incentivi nuovi occupati

(ASCA) – Roma, 15 mar – Siamo in presenza di un ”gravedeterioramento della situazione economica” e occorreprendere decisioni rapide per correre ai ripari. Ilpresidente di Assonime, Luigi Abete, in un’intervistapubblicata oggi sul Sole 24 Ore, propone il varo immediato didue decreti legge (”puo’ farlo anche l’attuale governo”)per sbloccare i pagamenti della Pubblica amministrazione efornire cosi’ liquidita’ alle imprese e affrontare la crisioccupazionale con sgravi fiscali per i nuovi assunti, oltre aun disegno di legge di iniziativa parlamentare ”che potrebbeessere messo a punto anche lunedi”’, per una nuova leggeelettorale.

”L’auspicio – ha detto Abete – e’ che in parlamento siformino maggioranze stabili in grado di garantire laformazione di un Governo che si presenti al paese con unprogetto condiviso. Noi intravvediamo pero’ un rischio, unamiccia che puo’ detonare con esiti disastrosi per il paese. Eallora proponiamo il varo immediato di due decreti legge, perfar fronte al deterioramento della situazione economica,evitando il rischio di un periocolo avvitamento”.

”Il primo provedimento – aggiunge il presidente diAssonime – mira ad allentare le condizioni di liquidita’delle imprese, rimborsando i crediti che esse vantano neiconfronti delle pubbliche amministrazioni, cosi’ comeproposto da Confindustria nel suo condivisibile manifesto perla legislatura”.

Il secondo, spiega poi Abete, riguarda ”la detassazione edecontribuzione dei nuovi occupati o lavoratori indipendentiche avviino una nuova attivita’. Operazione da proiettare sutre anni, rivolta in particolare agli under 35, siano essidipendenti o autonomi. Si potrebbe applicare la tassazionesaparata del 10% gia’ applicata ai contratti di produttivita’ed escludere sia il contributo che la relativa prestazioneprevidenziale”.

Per quanto riguarda infine la nuova legge elettorale,Abete confida che ”io resto dell’idea che da noioccorrerebbe il doppio turno alla francese. L’ho propostovent’anni fa, da presidente di Confindustria e ora siamoancora qui a discuterne. Se emergono altre ipotesi le sivaluti. Si presenti gia’ lunedi’ una proposta di inziativaparlamentare e si avvii il confronto”.

sen/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su