Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Scuola: firmato accordo all’Aran su scatti anzianita’

colonna Sinistra
Mercoledì 13 marzo 2013 - 13:48

Scuola: firmato accordo all’Aran su scatti anzianita’

(ASCA) – Roma, 13 mar – Firmato all’Aran il testo delcontratto che consente l’erogazione dei benefici al personaledella scuola. Con la sottoscrizione definitiva del contratto- senza modifiche rispetto all’ipotesi sottoscritta dalloSNALS-CONFSAL insieme a CISL, UIL e GILDA – si da’copertura economica al recupero del secondo anno del bloccotriennale delle progressioni di anzianita’ per il personaledella scuola. Si mette cosi’ fine – si legge in una nota sindacale – atutte le speculazioni che circolavano, anche dopo lasottoscrizione della bozza di contratto, su presuntedifficolta’ per rilievi fatti dagli organi di controllo.

Certo, non e’ stata una scelta ”indolore” ridurre la sommadisponibile per le scuole e riguardante la retribuzioneaccessoria, ma si e’ optato per i cosiddetti ”scatti” inconsiderazione del fatto che la massa salariale, seppurridotta in media di circa il 25%, resta superiore al miliardodi euro.

”Riteniamo di aver fatto una scelta utile per ilpersonale della scuola – sottolinea il segretario generaledello SNALS-CONFSAL, Marco Paolo Nigi – affinche’, inpresenza del blocco dei contratti nel pubblico impiego, nonsi azzerasse l’unico strumento d’incremento delleretribuzioni fondamentali: la progressione di carriera. Vaanche ricordato che questo recupero non serve solo a chi devefruire nel 2011 dello scatto di gradone, ma a tutti coloroche sono gia’ di ruolo e in prospettiva di ricostruzione dicarriera, anche agli attuali precari”.

In ogni caso – avverte Nigi – ”prosegue l’azionesindacale dello SNALS-CONFSAL per ottenere soluzionisoddisfacenti a tutti gli altri problemi della scuola rimastisul tappeto. Essi sono oggetto di continuo e pressanteintervento presso i responsabili del MIUR, sia per la parteche puo’ essere essere affrontata dal Governo in carica perl’ordinaria amministrazione, sia per quella che verra’ postaall’attenzione del Parlamento e del nuovo Governo non appenainsediati e nella pienezza dei propri poteri” .

red/glr

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su