Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Lavoro: Subito.it, su internet 17% offerte in piu’ sul 2012

colonna Sinistra
Martedì 12 marzo 2013 - 13:45

Lavoro: Subito.it, su internet 17% offerte in piu’ sul 2012

(ASCA) – Roma, 12 mar – In un contesto di crisi generale, ilsito negli annunci di compravendita e lavoro Subito.it fa ilpunto sul mercato del lavoro evidenziando un’inaspettatacrescita della richiesta di personale pari al 17% rispettoall’inizio del 2012, sebbene registri un sensibile aumento diannunci di candidati in cerca di occupazione.

Sono oltre 200 mila gli annunci di candidati che sipropongono per diverse tipologie di professioni, ovvero il37% in piu’ rispetto allo stesso periodo del 2012. Lecandidature spontanee sul sito a febbraio 2013 eccedono gliannunci di posizioni aperte del 175%. Il dato e’ ancora piu’significativo se confrontato con lo stesso periodo dell’annoprecedente, in cui il delta tra domanda e offerta era del134%.

”Il fenomeno – sottolinea Daniele Contini, AmministratoreDelegato di Subito.it – si spiega in parte con la crescitadell’utilizzo di Internet che, nel periodo considerato e’stato di circa il 7%*, e che si riflette nell’evoluzione deimodelli di fruizione del media da parte degli italiani. Dalnostro Osservatorio abbiamo l’opportunita’ di vedere davicino come il web sia fruito da fasce sempre piu’ ampie dipopolazione, sia in termini di distribuzione a livelloterritoriale che di eta’, per i piu’ svariati fini. Questoinfluisce indubbiamente anche sul mercato del lavoro, ambitonel quale, a fronte di una contrazione generale del mercato,internet si e’ evidentemente accreditato nel tempo comestrumento immediato e affidabile di ricerca di opportunita’professionali e di business sia dal lato della domanda chedell’offerta”. L’ampio studio condotto da Subito.it a livello nazionalefotografa anche un significativo scostamento qualitativo trale posizioni aperte e quelle invece piu’ ambite da chi e’ incerca di occupazione. Incrociando i dati relativi alleofferte di aziende e privati che cercano personale con leoltre 670mila ricerche di lavoro effettuate dai potenzialicandidati tra le pagine di Subito.it nel solo mese difebbraio 2013, emerge che le maggiori opportunita’ sononell’ambito del ”lavoro d’ufficio” (52%) ? responsabilicommerciali e agenti di vendita, specialisti IT,programmatori, grafici, manager e operatori di call center,seguite poi da quelle in ambito Turismo e Ristorazione (7%),Commercio e Negozi (6%), ma le inclinazioni di chi navigaalla ricerca di occupazione sembrano piu’ orientate ”aifornelli”.

Popolo di grandi tradizioni gastronomiche, gli italiani siconfermano infatti amanti della cucina anche quando si trattadi scegliere ”cosa fare da grandi”. Tra le posizioni piu’ambite agli esordi del 2013, rientrano infatti quelle legateal panorama Food e Ristorazione: circa il 16% di coloro checercano lavoro su Subito.it aspira infatti a fare lochef/cuoco (27,50%) ? o l’apprendista tale (5,57%) ? ilbarman (21,15%) o il pizzaiolo (20,38%), seguiti dapasticcere, gelataio, fornaio, lavapiatti o maitre di sala.

Al secondo posto tra le categorie piu’ ricercate, c’e’quella dei collaboratori domestici, in primo luogo di tipoassistenziale: il 13,4% delle ricerche di occupazione e’orientato a posizioni di badante (52,13%) o dama di compagnia(0,44%), baby sitter (29,19%) colf/domestico (16,51%) o dogsitter (1,30%). Categoria quest’ultima che entra per la primavolta tra le ricerche a partire dall’inizio del 2013.

Seguono, in terza posizione, le ricerche degli aspirantiautisti, che rappresentano il 7%.

In base all’analisi degli annunci, le opportunita’professionali sembrano distribuirsi in manieratendenzialmente omogenea tra Nord, Centro e Sud: la maggioreconcentrazione si ha in Lombardia, che si attesta al primoposto con il 16% di posizioni aperte; al secondo posto laCampania con il 13%, e al terzo il Lazio con l’11%. In decimaposizione per il numero di opportunita’ aperte, la Sardegnasale al primo posto per la sproporzione negativa tra impieghidisponibili sul sito e il numero di annunci di candidati incerca di opportunita’. Quest’ultimo e’ infatti superiore del310% rispetto al primo. Al secondo posto nella stessaclassifica la Sicilia, in cui le candidature spontaneesuperano le posizioni aperte del 270%, e al terzo ilPiemonte, con un delta del 229%. Le minori sproporzioni sirilevano in Umbria (88%), Calabria (79%) e Basilicata (73%).

In generale, anche a livello di distribuzione locale, siconferma la discordanza tra il tipo di posizioni aperte equelle piu’ ambite da chi e’ in cerca di occupazione. Da Norda Sud, la posizione di cuoco o chef risulta nei primi treposti delle opportunita’ piu’ cercate dai candidati in moltedelle principali citta’, al primo posto nelle citta’ diAncona, Genova, Palermo e Trieste.

In numeri assoluti, l’autista e’ la professione piu’ ambita aMilano (11%), seguita da badante (10%) e cuoco/chef (5%), aRoma (10%) seguita da cuoco/chef (7%) e segretaria (6%) eFirenze (14,5%), seguita da badante (5%) e operaio (5%).

A Torino, dove si conferma la tendenza generaleall’esigenza di personale specializzato in ambito IT ovendite, chi cerca lavoro e’ principalmente orientato aposizioni di badante (13%), o a lavori di manodoperaspecializzata, come operaio, muratore, elettricista,saldatore, fresatore, serramentista o imbianchino che,insieme, rappresentano circa il 12% del totale. Il 7% dellericerche e’ rivolto invece al ruolo di autista.

A Palermo oltre il 60% degli annunci sono rivolti allaricerca di personale qualificato per lavori ”di ufficio”,che spaziano dal programmatore all’operatore di call center,dagli agenti di vendita alle segretarie, ma gli abitanti delcapoluogo siciliano sembrano piu’ propensi alla ricerca diprofessioni come cuoco (9%), badante (8%) e, a pari merito,baby sitter e autista (6%).

Da Napoli a Venezia, il sogno di fare il pizzaiolo si e’spostato sulla Laguna. Tra le ricerche di lavoro maggiormenteeffettuate nel Veneto, emerge che a Venezia le opportunita’come pizzaiolo sono al terzo posto tra le piu’ ricercate (6%)e a Padova addirittura al secondo (8%). Il dato e’ confermatoanche dall’elevato numero di annunci di candidati che sipropongono per la posizione, con ampi curricula, spessoarricchiti da corsi di specializzazione ed esperienzeall’estero.

A livello nazionale sono oltre 2500 gli annunci dicandidature spontanee come dog sitter, di cui quasi la meta’distribuiti ? nell’ordine ? tra Lombardia, Lazio e Piemonte.

Un vero e proprio fenomeno sociale che coinvolge protagonistimolto variegati, per posizione geografica, eta’ e curriculum.

Chi per passione, chi per sbarcare il lunario agli esordi diuna carriera da ingegnere, chi laureando o e’ in attesa difissa occupazione, chi per trovare un’alternativa al lavoroche ha perso, chi solo per arricchire il proprio curriculum eaprirsi una porta in piu’ per sbaragliare la concorrenza inun difficile mercato del lavoro.

red/glr

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su