Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Fisco: Confedercontribuenti, riforma e’ priorita’ per 82% imprenditori

colonna Sinistra
Sabato 9 marzo 2013 - 11:41

Fisco: Confedercontribuenti, riforma e’ priorita’ per 82% imprenditori

(ASCA) – Roma, 9 mar – Su un campione di 5.700 imprenditoriintervistati telefonicamente dal Centro StudiConfedercontribuenti, oltre alla riforma elettorale lapriorita’ assoluta e’ la riforma fiscale. Gli imprenditorichiedono misure di abbassamento del peso fiscale eprevidenziale, ma la novita’ piu’ interessante che emergedalla ricerca riguarda la comune richiesta di leggi chetutelino i contribuenti di fronte allo strapoteredell’Agenzia delle Entrate e di Equitalia. Per il 98% degli intervistati il modo di agiredell’Agenzia delle Entrate e della societa’ di riscossionesono assolutamente intollerabili e vessatori di fronte allasituazione di crisi che attraversano famiglie e imprese. Lalotta all’evasione e’ indispensabile per il 91% degliintervistati, ma l’85% ritiene necessaria la riforma dellagiustizia tributaria, con la richiesta di una magistraturaindipendente dal Ministero dell’economia e con la riduzionedei tempi dei processi. Oggi una causa tributaria puo’ durareanche cinque anni. Il 78% chiede la riforma del garante delcontribuente, quale figura indipendente che possa sanzionarei cattivi comportamenti dell’amministrazione finanziaria. Peril 93% il proprio voto e’ ”condizionato” dalle sceltefiscali fatte dai partiti.

Prende piu’ voti chi parla di un fisco non vessatorio eutile allo sviluppo. Questa ricerca fatta su un campioneselezionato sull’intero territorio nazionale dimostra come ilPaese che produce ha bisogno di un ”cambiamento” vero delsistema fiscale italiano, dice il Presidente Nazionale diConfedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro, ”una politica chenon comprende porta sfiducia facendo diventare concreto ilrischio chiusura di centinaia di migliaia di imprese”. Ildato drammatico che emerge dalla ricerca riguarda lapossibilita’ che di fronte al permanere di questa situazioneil 32% degli intervistati potrebbe entro il 2013 chiuderel’attivita’. La politica sara capace di capire?, e’l’interrogativo finale di Confedercontribuenti.

com/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su