Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Confcommercio, Pil e inflazione specchio difficolta’ paese

colonna Sinistra
Venerdì 1 marzo 2013 - 14:38

Crisi: Confcommercio, Pil e inflazione specchio difficolta’ paese

(ASCA) – Roma, 1 mar – ”Terminato l’effetto statisticodell’incremento dell’Iva di settembre 2011, l’inflazione e’scesa rapidamente passando dal 3,2% di settembre 2012all’1,9% di febbraio 2013, valore che non si registrava daoltre due anni. Ma l’eccezionale rapidita’ registrata negliultimi mesi dal processo di rientro dell’inflazione riflettesoprattutto la debolezza della domanda delle famiglie: loscorso anno i consumi sono diminuiti del 4,3% in volume, cosamai accaduta da quando si dispone di dati attendibili”.

Questo il commento dell’Ufficio Studi Confcommercio ai datisu Pil e inflazione diffusi oggi dall’Istat.

”Il rapido incremento della pressione fiscale, passatadal 42,6% al 44% nel 2012 – prosegue la nota – ha ridotto lerisorse delle famiglie e la conseguente minore domanda diconsumi ha pesato sulla produzione del sistema, portando auna profonda contrazione del Pil (-2,4%). L’eredita’statistica che impattera’ sulle dinamiche del Pil nel 2013,anno senz’altro di grande difficolta’ per imprese ecittadini, si prevede dunque molto pesante”. ”In particolare – conclude la nota -, nell’anno in corsonon si recuperera’ neppure una piccola parte delle pesantiflessioni dei consumi registrate lo scorso anno, fenomeno chesta indebolendo seriamente il tessuto produttivodell’industria e della distribuzione commerciale in alcunisettori strategici dell’economia italiana, tra i qualil’alimentare e il vestiario che nel 2012 hanno registrato uncalo dei consumi, rispettivamente, del 3,0% e del 10,2%”.

com-sen/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su