Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Bce: acquistati quasi 103 mld di bond italiani

colonna Sinistra
Giovedì 21 febbraio 2013 - 16:07

Bce: acquistati quasi 103 mld di bond italiani

(ASCA) – Roma, 21 feb – Quasi la meta’ dei titoli di statodei paesi dell’Eurozona acquistati dalla Bce per cercare dicontenere l’aumento degli spread sono italiani. E’ quantoemerge dai numeri diffusi oggi dall’Eurotower.

A fine 2012 Francoforte ha in pancia complessivamete 218miliardi di titoli di Stato, calcolati sul valore di rimborsoa scadenza.

Di questi 102,8 miliardi sono titoli del debito pubblicodell’Italia, poi Spagna per 44,3 miliardi, Grecia 33,9miliardi, Portogallo 22,8 miliardi, Irlanda 14,2 miliardi. Stessa musica nel caso i bond governativi vengano valutaticon il metodo del costo ammortizzato (valore crescente delprezzo di acquisto fino alla scadenza). L’ammontare totale e’ pari a 208,7 miliardi: Italia 99miliardi, Spagna 43,7 miliardi, Grecia 30,8 miliardi,Portogallo 21,6 miliardi, Irlanda 13,6 miliardi. Nessuna sorpresa dalla prevalenza dei bond del debitopubblico italiano che rimane, di gran lunga, quello dimaggiori dimensioni tra i paesi periferici.

A livello di maturita’ media dei bond acquistati dallaBce, quelli Irlandesi presentano la piu’ lunga vita residua(4,6 anni), poi quelli italiani (4,5 anni). La vita residuapiu’ breve per i bond governativi portoghesi (3,9 miliardi).

I numeri diffusi oggi fanno riferimento agli acquistieffettuati solo nell’ambito del Securities Market Programme(Stm). Si tratta del programma di sostegno avviato dalla Bcealla meta’ del 2010, allo scoppio delle crisi del debitoellenico, e terminato lo scorso settembre quando l’Stm e’stato sostituito dall’Outright Monetary Transactions (Omt).

L’Omt non e’ stato finora mai attivato in quanto, adifferenza del precedente programma (Stm), richiede, a chi nefa richiesta, di sottoporsi alle condizioni di aggiustamentostrutturale fissate dal Fondo europeo salva-stati.

men/mau/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su