Header Top
Logo
Sabato 25 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Finmeccanica: funzionario India in Italia, societa’ vuole collaborare

colonna Sinistra
Martedì 19 febbraio 2013 - 19:50

Finmeccanica: funzionario India in Italia, societa’ vuole collaborare

(ASCA) – Roma, 19 feb – Fare chiarezza. All’indomanidell’arrivo in Italia del funzionario del ministero dellaDifesa indiano con l’obiettivo di raccogliere elementi sulpresunto pagamento di tangenti per la commessa di 12elicotteri AgustaWestland all’India sulla scia dell’inchiestadella procura di Busto Arsizio che ha portato all’arrestodell’ex presidente di Finmeccanica, Giuseppe Orsi, lasocieta’ di piazza Monte Grappa, in una nota, ha annunciatooggi la volonta’ di fare chiarezza sulla vicenda con ilrappresentanto del governo indiano.

”Finmeccanica – afferma la societa’ in una nota -sottolinea la correttezza del comportamento tenuto in oltre40 anni di attivita’ nel paese, che rappresenta uno deimercati maggiormente strategici per l’intero Gruppo.

Finmeccanica sottolinea, inoltre, che in India operano damolti anni diverse societa’ da essa controllate, le qualihanno sempre agito, nell’ambito delle proprie autonomiegestionali e operative, nel pieno rispetto delle leggiindiane e dei principi etici che il Gruppo si e’ dato.

Finmeccanica e’ fiduciosa che AgustaWestland possa dimostrareche la propria condotta sul mercato indiano e’ stata conformealle disposizioni di legge ed ai principi etici sopraricordati”.

Finmeccanica dichiara poi di essere disponibile ”ad unainterlocuzione con le autorita’ indiane per fare chiarezzasull’intera vicenda e fornira’ la propria collaborazione nelrispetto delle procedure internazionali previste per questogenere di investigazioni”.

Intanto il governo indiano ha affermato di essereseriamente preoccupato per i presunti atti di corruzione. Ilprimo ministro indiano Manmohan Singh incontrando oggi ilpremier britannico David Cameron a Nuova Delhi ha espresso”seria preoccupazione riguardo le accuse sui presunti mezziillegali utilizzati per mettere il sigillo sul contrattosiglato con AgustaWestland”. Nuova Delhi, venerdi’ scorso,ha iniziato una procedura di annullamento del contratto di560 milioni di euro siglato con AgustaWestland, sollecitandouna risposta da parte della societa’ anglo-italiana.

sen/sat

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su