Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Carburanti: non si arrestano i rialzi con punte a 1,927 euro/litro

colonna Sinistra
Lunedì 18 febbraio 2013 - 08:46

Carburanti: non si arrestano i rialzi con punte a 1,927 euro/litro

(ASCA) – Roma, 18 feb – Non si arresta il carobenzina con la ”punta” del ”servito” al Centro del Paese che arriva ora a 1,927 euro/litro. Effetto dei prezzi internazionali che spingono da tempo la ”verde” a livelli pre-estivi. Nel fine settimana Eni ha messo mano ai prezzi raccomandati di entrambi i prodotti (+1,5 cent euro/litro sulla benzina, +1 sul diesel) accompagnata da TotalErg (rispettivamente +1 e +0,5) e Esso (+1 solo sulla benzina). In netta ascesa tutte le ”punte” con la benzina, come detto, a 1,927 euro/litro livello raggiunto da piu’ di un marchio delle petrolifere, il diesel a 1,809 e il gpl a 0,890. Le medie nazionali sono invece a 1,876 euro/litro per la ”verde”, 1,783 per il diesel e 0,890 per il gpl. Prezzi praticati sul territorio in pieno e generalizzato movimento, specie sulla ”verde”, comprese le no-logo. Piu’ nel dettaglio, a livello Paese, secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per il Servizio Check-Up Prezzi QE, il prezzo medio praticato della benzina (sempre in modalita’ ”servito”) va oggi dall’1,862 euro/litro di Eni all’1,876 di IP e Tamoil (no-logo a 1,783). Per il diesel si passa dall’1,773 euro/litro sempre di Eni all’1,783 di Tamoil (no-logo a 1,655). Il gpl infine e’ tra 0,843 euro/litro di Eni e 0,857 di IP (no-logo a 0,807). com-sen/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su