Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Coldiretti, povero 1 pensionato su 10. Al Sud 1 su 4

colonna Sinistra
Sabato 16 febbraio 2013 - 11:39

Crisi: Coldiretti, povero 1 pensionato su 10. Al Sud 1 su 4

(ASCA) – Roma, 16 feb – ”In Italia piu’ di un pensionato sudieci (11%) si trova in una condizione di poverta’ ma lapercentuale sale al 23,5% nel mezzogiorno”. E’ quanto emergeda una analisi della Coldiretti sulla base degli ultimi datiIstat sulla poverta’ in Italia dai quali si evidenzia unatendenza al peggioramento della situazione. ”A pesare maggiormente sul bilancio dei ‘ritirati dallavoro’ sono – sottolinea la Coldiretti – l’abitazione el’energia (39,3 %), la spesa alimentare (21,1%) ed itrasporti e le comunicazioni (13,1%). Una percentualesuperiore alla media viene assorbita – continua la Coldiretti- dalla sanita’ (4,8 %) mentre percentuali al tempo libero(4,1%) o all’abbigliamento e calzature (3,8%)”. ”Nelle campagne ci sono piu’ di 800 mila pensionaticoltivatori diretti con pensioni inferiori o integrate alminimo di 460 euro al mese che stanno vivendo un periodoestremamente difficile”. E’ quanto emerge da una analisi diFedepensionati Coldiretti che denuncia ”l’insostenibilita’sociale della situazione dei coltivatori pensionati e delleloro famiglie, sulle quali si vanno sempre piu’ scaricando idisservizi e le insufficienze dell’intervento pubblico”. Secondo Fecerpensionati Coldiretti ”c’e’ la necessita’ diintervenire per recuperare il potere di acquisto dellepensioni piu’ basse; eliminare ogni forma di discriminazionefra lavoratori dipendenti ed autonomi anche per quantoattiene gli assegni familiari; riconoscere un sostegno per lefamiglie che si fanno carico di accudire in casa gli anzianicon disabilita’ e/o non autosufficienza; definire i livelliessenziali di assistenza previsto dalla Legge 328/2000;potenziare i servizi di prevenzione presso gli ambulatori dimedicina generale allo scopo di assicurare, agli anziani abasso reddito, gli accertamenti diagnostici in formaambulatoriale, con riduzione delle liste di attesa, deiricoveri in ospedale e della spesa sanitaria”.

com-ceg/vlm/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su