Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Digital divide: Mise, al via bandi per oltre 900 mln

colonna Sinistra
Venerdì 15 febbraio 2013 - 11:44

Digital divide: Mise, al via bandi per oltre 900 mln

(ASCA) – Roma, 15 feb – Al via bandi per oltre 900 milioni dieuro (di cui 237 privati) per contribuire ad azzerare ildigital divide (almeno 2 mbps a tutti i cittadini) eaccelerare lo sviluppo della banda ultralarga (da 30 mbps a100 mbps) per circa il 40 per cento dei cittadini dellaBasilicata, Calabria, Campania, Molise e Sicilia. A questorisultato – informa un comunicato del Mise – ha concorso inmodo rilevante la rimodulazione dei programmi cofinanziatiche, attraverso il Piano d’Azione per la Coesione d’intesacon le Regioni interessate, ha fatto confluire nel progettopiu’ di 347 milioni di euro. La procedura di evidenzapubblica, che partira’ entro inizio marzo, attuaconcretamente due punti centrali (azzeramento digital dividee banda ultralarga) dell’agenda digitale europea recepita dalGoverno.

I bandi porteranno infatti la banda larga a 2,8 milioni dicittadini residenti in 3600 localita’ in tutta Italia e labanda ultralarga a 4 milioni di cittadini residenti in 180comuni del Sud Italia.

Tale iniziativa puo’ rappresentare una forte spinta perl’intera filiera delle telecomunicazioni, per il settoredell’impiantistica civile e dell’elettronica, generando circa5000 nuovi posti di lavoro.

L’investimento di 900 milioni di euro potra’ generare unincremento del PIL pari a circa 1,3 miliardi di euro, comedimostrato anche da studi OCSE utilizzati dalla CommissioneEuropea che fissano a ”1,45” il moltiplicatore congiuntodomanda/offerta del settore della comunicazione sull’interaeconomia italiana.

Non solo un’agenda quindi, ma un piano concreto che ilministero dello Sviluppo economico – dipartimento per leComunicazioni – e il ministero per la Coesione territorialehanno voluto assicurare all’Italia, proiettando in avanti ilnostro Paese di molte posizioni nelle classificheinternazionali per quanto riguarda le infrastrutture ditelecomunicazione.

Il Piano Nazionale Banda Larga e’ nato nel 2009 conl’obiettivo di raggiungere gli 8 milioni di cittadini esclusidal servizio a banda larga poiche’ residenti nelle aree afallimento di mercato. Finora ha gia’ portato internet dibase a 4 milioni di euro, e si stanno realizzando leinfrastrutture per connettere ulteriori 1,2 milioni dicittadini. Con questo ultimo bando la banda larga sara’portata anche ai residui 2,8 milioni di italiani sprovvistidi connettivita’.

Il Progetto Strategico Banda Ultralarga approvato dallaCommissione Europea con Decisione C(2012) 9833 del 18dicembre 2012 e’ anch’esso un piano nazionale che nel suoprimo intervento attuativo si concentra nelle aree del Suddel Paese, ma che sara’ attuato in tutte le Regioni chedecideranno di aderirvi anche avvalendosi delle risorsecomunitarie della nuova programmazione 2014-2020.

Tutte le informazioni dettagliate sul Piano NazionaleBanda Larga, il Progetto Strategico Banda Ultralarga, le areedi intervento (ovvero bianche e bianche NGN) sono disponibilisul sito del ministero dello Sviluppo economico(www.mise.gov.it), focus Agenda digitale.

”Oggi facciamo un passo in avanti fondamentale per losviluppo del Paese, contribuendo ad azzerare il divariodigitale e dotando il Mezzogiorno della banda ultralarga”hanno dichiarato il ministro della Coesione territorialeFabrizio Barca e il ministro dello Sviluppo economico CorradoPassera. ”Era un impegno importante – hanno proseguito – cheabbiamo assunto con il recepimento dell’Agenda DigitaleEuropea e che siamo riusciti a mantenere grazie a una fortecollaborazione tra Governo e Regioni. Presto ogni cittadino eimpresa italiani potranno avere la possibilita’ di collegarsiad internet veloce, accedendo a opportunita’ professionali epersonali che erano loro preclusi. Per questo azzerare ildigital divide era innanzitutto un dovere morale dellapolitica oltre che un’opportunita’ di sviluppo” hannoconcluso Barca e Passera.

com/rf

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su