Header Top
Logo
Martedì 25 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Finmeccanica: India, governo italiano non aveva posizione ufficiale

colonna Sinistra
Martedì 12 febbraio 2013 - 13:35

Finmeccanica: India, governo italiano non aveva posizione ufficiale

(ASCA) – Roma, 12 feb – Il governo indiano aveva chiestodettagli a quello italiano non appena erano emerse le primenotizie di tangenti legate all’acquisto degli elicotteri diFinmeccanica, ma il governo di Roma ha risposto di ”nonavere una posizione ufficiale data l’indipendenza del sistemagiudiziario italiano”. E’ quanto ha riferito nei mesi scorsi al Parlamento ilministro della Difesa indiano A.K. Antony, dichiarazioniribadite oggi da un portavoce del Ministero degli AffariEsteri di New Delhi. ”Il Ministero della Difesa”, avevadetto Antony, ”e’ costantemente alla ricerca di unasoluzione del problema e impegnato a prendere delle opportunemisure punitive nel caso in cui le accuse fosserocircostanziate”. Il principale partito di opposizione indiano, il BharatiyaJanata (BJP), ha accusato il governo di non voler avviare unasua propria inchiesta visti ”i molti nomi indianicoinvolti” nella vicenda. ”E’ per questo che cercano lascusa che il governo italiano non ha fornito informazioni”,ha detto ai giornalisti il portavoce del BJP, PrakashJavadekar.

L’India sta attualmente spendendo miliardi di dollari peraggiornare il proprio sistema di difesa e non e’ la primavolta che scoppiano scandali. Negli anni ottanta, il governoguidato dall’allora primo ministro Rajiv Gandhi fu costrettoalle dimissioni dopo la scoperta che il gruppo svede seBofors aveva pagato mazzette ai funzionari pubblici perottenere un contratto da 1,3 miliardi di dollari perforniture di artiglieria. Anche se non emersero prove che Rajiv Gandhi avessericevuto denaro illegittimo, il suo governo perse la fiducianel 1989 proprio a causa del caso Bofors. Gandhi e’ statoucciso nel 1991 dagli estremisti Tamil e la moglia Sonia,nata in Italia, guida oggi il Partito del Congresso ancorauna volta coinvolto in storie simili. Dopo lo scandalo dellaBofors, l’India aveva proibito l’intervento di intermediarinei contratti relativi alla difesa. (fonte AFP).

red-uda/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su