Header Top
Logo
Sabato 29 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Visco, ancora tempi difficili per l’economia italiana

colonna Sinistra
Sabato 9 febbraio 2013 - 12:51

Crisi: Visco, ancora tempi difficili per l’economia italiana

(ASCA) – Bergamo, 9 feb – ”L’economia italiana attraversaancora tempi difficili. La lunga crisi finanziaria ha scossoprofondamente mercati e istituzioni. Ha messo a dura prova lastessa unione monetaria. Le banche stanno subendo le pesanticonseguenze della doppia recessione e della crisi del debitosovrano. Hanno incontrato gravi difficolta’ di raccolta,affrontato necessita’ di rafforzamento patrimoniale, subitouna marcata compressione della redditivita”’. Lo ha detto ilGovernatore della banca d’Italia Ignazio Visco nel suointervento al congresso Forex-Assiom che svolge a Bergamo.

”La solidita’ delle loro condizioni di partenza, meritoanche dell’azione di vigilanza, ha consentito di sostenerel’urto”, ha detto riferendosi al sistema bancario. ”Ma ildefinitivo superamento della crisi richiede ulteriori,prolungati sforzi”. Infine Visco ha precisato di avere indicato le misure”ineludibili, sui quali l’azione degli intermediari non devetardare. Andra’ affrontata altresi’, con la lungimiranza chee’ richiesta a tutte le parti coinvolte, la questione dellaqualita’ degli assetti proprietari e di governo societario,avendo presente l’interesse dell’economia, la stabilita’stessa delle banche”.

Le decisioni del Consiglio direttivo della BCE, mirate asalvaguardare l’efficacia della trasmissione della politicamonetaria nell’area dell’euro, hanno preservato la liquidita’del sistema,ha detto, arginato le distorsioni dei mercatifinanziari derivanti dalla crisi dei debiti sovrani,contrastato i timori sulla solidita’ dell’unione monetaria.

”Valutiamo con la massima attenzione la rispondenza trale condizioni monetarie e le prospettive economiche.

La politica monetaria puo’ fare molto, ma non puo’ da solacondurci fuori dalla crisi. I timori degli investitori sisono oggi diradati rispetto ai momenti di maggiore tensione,ma non sono certo scomparsi”. Secondo Visco inoltre sarannodeterminanti, ”la qualita’ delle politiche nazionali, ilcompletamento della riforma della governance europea versouna piena unione monetaria, bancaria, di bilancio, e inprospettiva, politica”.

ram/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su