Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Prod. industriale: Anie Confindustria, incertezza anche a inizio 2013

colonna Sinistra
Venerdì 8 febbraio 2013 - 15:37

Prod. industriale: Anie Confindustria, incertezza anche a inizio 2013

(ASCA) – Roma, 8 feb – Secondo i dati diffusi dall’ISTAT,l’industria italiana delle tecnologie, Elettrotecnica edElettronica, rappresentata da ANIE Confindustria haregistrato anche a dicembre 2012 un andamento negativo neidati di produzione industriale. A dicembre 2012, nelconfronto con lo stesso mese del 2011, l’Elettrotecnica hasperimentato una flessione della produzione industriale del6,8%; l’Elettronica dello 0,3% (-7,0% la corrispondentevariazione nella media del manifatturiero nazionale). Nel confronto congiunturale le due macro-aree registranoandamenti disallineati. A dicembre 2012, nel confronto connovembre 2012, l’Elettrotecnica ha evidenziato un moderatoincremento dei livelli di attivita’ industriale (+1,6%).

L’Elettronica ha, invece, confermato una sostanzialestabilita’ (+0,1% la corrispondente variazione nella mediadel manifatturiero nazionale). ”A dicembre 2012 il dato relativo alla produzioneindustriale ha confermato la lunga e ininterrotta serienegativa iniziata nei primi mesi dell’anno” – ha dichiaratoil Presidente di ANIE Confindustria, Claudio Andrea Gemme -”Guardando all’intero anno, il 2012 chiude perl’Elettrotecnica e l’Elettronica italiane con una riduzionedei livelli di attivita’ vicina al 10%. Per effetto dellaprolungata fase recessiva rimangono ampi spazi di capacita’produttiva inutilizzata, con conseguenze rilevanti su volumie margini delle imprese”. ”Cresce il rischio” – concludeil Presidente ANIE – ”di disperdere importanti tassellidelle competenze tecniche e specialistiche di eccellenza dicui l’industria nazionale e’ espressione. A inizio 2013 ilquadro macroeconomico continua a essere caratterizzato da unaelevata incertezza. Alla forte debolezza del mercato internosi affianca la difficile congiuntura internazionale, che nonconsente al canale estero di compensare pienamente lafragilita’ della domanda nazionale”.

red/did/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su