Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Metalmeccanici: Uilm, Landini e’ un vero distruttore

colonna Sinistra
Mercoledì 6 febbraio 2013 - 17:44

Metalmeccanici: Uilm, Landini e’ un vero distruttore

(ASCA) – Roma, 6 feb – ”Maurizio Landini e’ un vero eproprio distruttore che utilizza la crisi economica pergiustificare una linea antagonista che da anni nulla a piu’ ache fare col sindacato”. Lo afferma Rocco Palombella,segretario generale della Uilm , rispetto all’atteggiamentoda ” candidato occulto della campagna elettorale in atto”usato dal leader della Fiom. ”La smetta di continuare – ribadisce Palombella – autilizzare le assemblee scorazzando in lungo e in largo nellefabbriche, pur non avendo piu’ diritto a svolgerle, dato chela sua organizzazione si e’ autoesclusa, non essendofirmataria di molteplici contratti. L’obiettivo della Fiom e’continuare a fare demagogia con fini e modalita’esclusivamente di natura politico-oppositiva.

Un’organizzazione che non rinnova i contratti negli ultimidieci anni si dovrebbe interrogare sul perche’ continua adesistere. Anziche’ parlare male dei contratti firmati daorganizzazioni come la nostra, dovrebbero fare un minimo diautocritica. Non ne possiamo piu’ di ascoltare la demagogiaed il populismo di Landini, caratterizzato da un ipocritavittimismo, nei consueti salotti televisivi, o nei tipici”talk-show’:si confronta sempre con politici e mai consindacalisti di colore diverso che potrebbero dimostrare lecontraddizione del suo comportamento sindacale. Mai nessunoche gli chieda conto delle sue inefficienze, ma tutti che lousano per contrapporsi alle scelte compiute da altri. Unoschema stantio”. Il leader della Uilm si rivolge alla Fiom:”Un’organizzazione – dice – che ha scelto di entrare inpolitica e’ giusto che lo faccia senza tentennamenti,evitando pero’ di utilizzare la sigla sindacale e leagibilita’ derivanti da chi firma i contratti, per poterstrumentalizzare il dramma che vivono i lavoratori. In questeore e’ come se stessero presentando il loro programmaelettorale, cercando consensi su quello che non hanno fatto.

Penso che i lavoratori ne dovrebbero trarre le dovuteconseguenze. I metalmeccanici della Cgil dovrebbero essereripagati con la stessa moneta che cui verra’ ripagato quelpartito politico che promette senza mai fare”. red/did/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su