Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Martedì 5 febbraio 2013 - 15:53

Lavoro: Cgil, dati Cig gennaio spaventano

(ASCA) – Roma, 5 feb – ”L’anno inizia nel peggiore dei modi,in assoluta continuita’ con quello passato, segnando datispaventosamente negativi in termini di ricorso alla cassaintegrazione, sia ordinaria che straordinaria”. Cosi’ ilsegretario confederale della Cgil, Elena Lattuada, commenta idati sulla cig diffusi oggi dall’Inps, sottolineando come”rimanga ancora inspiegabilmente insoluta la questione delmancato pagamento della cassa in deroga per gli ultimi mesidel 2013”.

Secondo la dirigente sindacale, sempre in riferimento allacassa in deroga, ”il calo registrato dall’Inps non puo’ chespiegarsi con i problemi che la normativa ha posto rispetto aquesto strumento, lasciando al loro destino centinaia dilavoratori senza alcun sostegno al reddito, come dimostranole proteste oggi in Calabria”. Lattuada chiede quindi ”unintervento urgente che garantisca lo stanziamento dellerisorse e il pagamento della cassa in deroga ancora nonerogata; ma soprattutto serve, rispetto ad una crisi chequesti dati ci confermano sara’ ancora lunga e invasiva, unarevisione complessiva dell’impianto della riforma del lavoroper quanto riguarda gli ammortizzatori sociali”.

Eppure, precisa la sindacalista, ”gli interventi tampone,per quanto urgenti, non risolvono la questione centrale,ovvero la necessita’ per il prossimo governo di mettere alcentro il lavoro, la sua difesa e la sua creazione. Contro ildeclino del sistema produttivo, progressivo e al momentosenza freni, il Paese puo’ solo ripartire se investe nellavoro: dando prospettive risolutive alle tante vertenzeindustriali ancora insolute, offrendo una strategia aisettori produttivi e industriali, specie quelli pubblici, chepossano portare l’Italia fuori dalla crisi”, concludeLattuada.

red/did/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su