Header Top
Logo
Mercoledì 26 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Intesa Sanpaolo: iniziativa per agricoltori in Sardegna su biomasse

colonna Sinistra
Giovedì 31 gennaio 2013 - 16:48

Intesa Sanpaolo: iniziativa per agricoltori in Sardegna su biomasse

(ASCA) – Roma, 31 gen – Intesa Sanpaolo ha creato attraversola proprie controllate Agriventure, societa’ di consulenzaspecializzata in agribusiness, e Banca di Credito Sardo unanuova opportunita’ per gli operatori del comparto agricolosardo. Si tratta della realizzazione di un progetto diaggregazione finalizzato all’approvvigionamento dellebiomasse; in particolare l’iniziativa si perfezionaattraverso la capacita’ di generare opportunita’ di rete percirca 400 agricoltori che utilizzano le loro superfici dieucalipto per la produzione di biomasse con finalita’energy.

L’obiettivo – si legge in un comunicato – e’ quella diconvogliare nella centrale di produzione di energia(sviluppata da Enel Green Power) una fornitura annua minimada destinare alla produzione di biomassa legnose confinalita’ energy, garantendo al contempo il sostegnoeconomico alle aziende coinvolte per permetterne lacompetitivita’ e una congrua redditivita’. L’iniziativa prevede, per gli agricoltori interessati alprogetto, contratti di fornitura di 15 anni a fronte diinvestimenti per la realizzazione dei sesti d’impiantodell’eucalipto. Numerosi studi, infatti, hanno evidenziatocome gli alberi di eucalipto, per le loro caratteristiche diresistenza alle malattie e di crescita forniscano importantiquantita’ di biomasse utilizzabili nella produzione deibioenergie. Banca di Credito Sardo e Agriventurecostituiranno il supporto al progetto per fornire uncontributo alla valorizzazione del comparto agroalimentaresardo. Saranno numerose le ripercussioni positive sul territorio:oltre ad una riconversione dei territori in aree exindustriali ed ex bieticole e ad una valorizzazione dellearee rurali depresse o vocate a produzioni poco remunerative,il progetto rappresenta un forte stimolo per l’occupazionelocale attraverso la riconversione della forza lavoroesistente nella regione oltre alla creazione nell’indotto dinuovi posti. red/did/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su