Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ilva: Federacciai, se chiude aggravio 7,5 mld per bil.commerciale (RPT)

colonna Sinistra
Martedì 29 gennaio 2013 - 18:37

Ilva: Federacciai, se chiude aggravio 7,5 mld per bil.commerciale (RPT)

(RIPETIZIONE CORRETTA).

(ASCA) – Milano, 29 gen – Un’eventuale chiusura dellostabilimento Ilva di Taranto provocherebbe un danno alsettore siderurgico italiano compreso tra i 2,5 e i 5miliardi di euro all’anno, con un aggravio complessivo per labilancia commerciale italiana quantificabile tra i 5 e i 7,5miliardi di euro all’anno. La stima e’ di Antonio Gozzi,presidente di Federacciai, che in un’intervista all’ASCA fail punto sullo ‘stato di salute’ del settore siderurgicoitaliano alla luce della vicenda Ilva. ”E’ una situazione che provoca grave apprensione”,spiega Gozzi chiarendo che per il momento a Taranto ”e’difficile continuare la produzione a livelli normali” e cheproprio per questo ”il presidente Ferrante fa fatica apagare gli stipendi”. Ma Gozzi guarda soprattutto al futuroe mette in guardia dalle possibile ripercussioni che unachiusura definitiva dell’Ilva provocherebbe non solo sullasiderurgia italiana, ma sull’intero sistema Paese. ”L’Ilva -spiega – produce e vende ogni anno circa 5 milioni ditonnellate di prodotti siderurgici. Se dovesse chiudere,occorrerebbe importare questi 5 milioni di tonnellate. Cosache provocherebbe un aumento dei costi di logistica etrasporto”. L’alternativa alla chiusura e’ soddisfare tutte leprescrizioni necessarie per l’Aia (Autorizzazione integrataambientale). Operazione, questa, che costa all’azienda 3miliardi di euro in tre anni. Anche se, tiene a sottolineareancora il presidente di Federacciai, dal punto di vistadell’impatto ambientale, i principali poli siderurgicieuropei ”sono tutti esattamente nelle stesse condizioni diTaranto”. Fa eccezione soltanto lo stabilimento austriaco diLinz, ”un punto di riferimento per la siderurgia globale”.

fcz/sam/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su