Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Cdp: cda determina rapporto conversione azioni

colonna Sinistra
Martedì 29 gennaio 2013 - 18:37

Cdp: cda determina rapporto conversione azioni

(ASCA) – Roma, 29 gen – Il Consiglio di Amministrazione dellaCassa depositi e prestiti riunitosi in data odierna sotto lapresidenza di Franco Bassanini, ha determinato il rapporto diconversione delle azioni privilegiate in azioni ordinarie, invista della conversione automatica a decorrere dal 1* aprile2013, prevista dalla legge e dallo statuto.

Il rapporto di conversione e’ stato determinato nellamisura di 49 azioni ordinarie ogni 100 azioni privilegiate,corrispondente a un rapporto unitario di conversione di 0,49azioni ordinarie per ciascuna azione privilegiata; e’ statocalcolato, secondo le modalita’ previste dalla legge edall’art. 7, comma 10.1 dello Statuto CDP, sulla base dellerisultanze delle perizie giurate di stima di DeloitteFinancial Advisory Services Srl, nelle quali il valore di CDPalla data di trasformazione in societa’ per azioni e’ statostimato in 6.050.000.000 di euro, mentre il valore di CDP al31 dicembre 2012 e’ stato stimato in 19.030.000.000 di euro.

Nel periodo compreso tra il 15 febbraio e il 15 marzo 2013gli azionisti privilegiati potranno esercitare la facolta’ dibeneficiare di un rapporto di conversione alla pari, al finedi conservare la propria quota partecipativa, versando a CDP,a titolo di conguaglio, circa 32,74 euro per ogni azioneprivilegiata da convertire in ordinaria.

Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre determinato ilvalore di liquidazione delle azioni privilegiate. Perciascuna azione privilegiata per la quale sia esercitato ildiritto di recesso, il valore di liquidazione, determinatosulla base delle specifiche disposizioni dello statuto, e’pari a 6,299 euro.

La determinazione del valore di liquidazione sara’applicata alle richieste di recesso pervenute, nel periodo 1ottobre – 15 dicembre 2012, da due soci di CDP, titolaricomplessivamente di n. 9.084.000 azioni privilegiate (pari al2,60% del capitale sociale), e alle eventuali richieste chepotranno pervenire nel prossimo periodo di recesso previstodal vigente Statuto (15 febbraio – 15 marzo 2013).

red/glr

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su