Header Top
Logo
Giovedì 27 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Confindustria: la recessione sta toccando il fondo

colonna Sinistra
Lunedì 28 gennaio 2013 - 12:02

Confindustria: la recessione sta toccando il fondo

(ASCA) – Roma, 28 gen – ”L’economia italiana sta toccando il fondo della dura recessione, la seconda in cinque anni. Si delineano i presupposti di un rimbalzo che puo’ dare avvio alla ripresa”. E’ quanto indica Confindustria su Congiuntura Flash rilevando che la sfiducia ha infatti compresso la domanda interna ben oltre quanto giustificato dalla situazione oggettiva dei bilanci familiari e aziendali: gli acquisti di beni durevoli sono scesi molto piu’ del reddito reale disponibile, gli investimenti sono ai minimi storici in rapporto al PIL e le scorte sono bassissime. ”Contemporaneamente – continua Congiuntura Flash – vengono meno o si allentano le tre cause del regresso: credit crunch, iper-restrizione dei bilanci pubblici e frenata della domanda globale. Basilare per la ripartenza e’ che si sollevi la cappa di paura creata dalla situazione politica interna; percio’ e’ cruciale che l’esito delle imminenti elezioni dia al Paese una maggioranza solida, che abbia come priorita’ le riforme e la crescita, fornendo cosi’ un quadro chiaro che infonda fiducia nel futuro e orienti favorevolmente verso la spesa le decisioni di consumatori e imprenditori. Rimarranno deboli le costruzioni, per le quali vanno prese misure specifiche. Congiuntura Flash rileva che l’attivita’ industriale italiana e’ salita dello 0,4% in dicembre su novembre e risulta cosi’ del 2,1% la diminuzione nel 4* trimestre (-6,2% nel 2012, stime CSC). Tale dinamica e’ coerente con un calo del PIL nel 4* trimestre di nuovo marcato (-0,6% almeno), dopo il -0,2% nel terzo. ”Le prospettive immediate sono incerte. In dicembre il PMI manifatturiero segnala una minore riduzione degli ordini (44,3, da 42,2), interni ed esteri, e l’ISTAT rileva un marginale miglioramento dei giudizi delle imprese manifatturiere sulla domanda, ma anche che le loro attese a 3 mesi di ordini e produzione sono tornate a peggiorare (nel 4* trimestre -4,7, da -6,3). La ricostituzione delle scorte, valutate basse (saldo a -2, da 0), agira’ da stimolo”. int/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su