Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Fiat: Fim-Cisl a Fiom, soluzioni con accordi non con azioni legali

colonna Sinistra
Martedì 22 gennaio 2013 - 15:21

Fiat: Fim-Cisl a Fiom, soluzioni con accordi non con azioni legali

(ASCA) – Roma, 22 gen – ”Landini non ha ancora capito o fafinta di non capire, che l’azione messa in campo dalleorganizzazioni sindacali firmatarie degli accordi si ponel’obiettivo di evitare licenziamenti di qualsiasi lavoratoredi Pomigliano indipendentemente dal fatto che sia iscritto onon iscritto a questo, o quel sindacato”. E’ quanto dichiarail segretario nazionale della FIM CISL Ferdinando Uliano.

”Noi – prosegue – ci siamo battuti e prese leresponsabilita’, contrariamente alla Fiom, affinche’ quellostabilimento continui ad esistere e a dare lavoro. Dei circa4300 lavoratori in forza a Pomigliano, fino ad oggi ne sonostati ricollocati circa 3200 (di cui 200 PCMA ex-Marelli e900 FGA); per i restanti circa 1100 in cassa a zero ore (cheterminera’ a luglio di quest’anno) c’e’ l’impegnonell’accordo a ricollocarli.

Oggi, data la nota difficile situazione del mercato, siallungano i tempi della completa ricollocazione, per questo,stiamo costruendo le condizioni sindacali per andare oltre ilperiodo di cassa integrazione (in scadenza a luglio 2013)superando il dualismo societario presente in Pomigliano (FIPe GBVico). Cio’ permettera’ di aggiungere un altro periodo dicassa al fine di evitare licenziamenti e costruire lecondizioni per le future ricollocazioni”.

Secondo Uliano ”le azioni legali messe in campo dellaFiom, invece stanno rischiando di forzare i tempi dellaricollocazione, con il rischio di indurre la Fiat alicenziare, cosa che noi stiamo cercando di evitareattraverso la ricerca di soluzioni sindacali che garantiscanononostante le difficolta’ del momento, futuro e lavoro atutti i lavoratori di Pomigliano”.

com-fgl/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su