Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Disoccupazione: Istat, nel 2011 tasso invariato all’8,4% e meno media Ue

colonna Sinistra
Martedì 22 gennaio 2013 - 19:18

Disoccupazione: Istat, nel 2011 tasso invariato all’8,4% e meno media Ue

(ASCA) – Roma, 22 gen – Nel 2011 il tasso di disoccupazioneresta invariato rispetto all’anno precedente (8,4%) einferiore a quello dell’Ue27 (9,7%). Lo rileva l’Istat nellapubblicazione ”Noi Italia. 100 statistiche per capire ilPaese in cui viviamo” nella quale emerge che il tasso didisoccupazione giovanile italiano (15-24 anni) e’ al 29,1%,in aumento per il quarto anno consecutivo e superiore aquello medio dell’Unione europea (21,4%). La disoccupazionedi lunga durata (che perdura cioe’ da oltre 12 mesi) hariguardato, nel 2011, il 51,3% dei disoccupati nazionali, illivello piu’ alto raggiunto nell’ultimo decennio.

Nel 2011 – si legge nel documento dell’Istat – in Italiae’ occupato il 61,2% della popolazione di 20-64 anni, solo undecimo di punto in piu’ rispetto al 2010. Si presenta moltomarcato lo squilibrio di genere: le donne occupate sono il49,9%, gli uomini il 72,6%. Il tasso di occupazione dellapopolazione in eta’ 55-64 anni nel 2011 e’ al 37,9%, inaumento rispetto al 2010. Il 13,4% dei dipendenti ha un contratto a termine, valoredi poco inferiore alla media europea. La quota di occupati atempo parziale e’ pari al 15,5%. Entrambe le tipologiecontrattuali sono piu’ diffuse tra le donne. Il tasso di inattivita’ della popolazione tra i 15 e 64anni non subisce variazioni rispetto al 2010, attestandosi al37,8%, valore tra i piu’ elevati d’Europa. Particolarmenteelevata appare l’inattivita’ femminile (48,5%), anche se inlieve riduzione rispetto al passato.

La quota di unita’ di lavoro irregolari e’ pari al12,2%c(2011). Il Mezzogiorno registra l’incidenza del lavoronon regolare piu’ elevata del Paese, oltre il doppio rispettoa quella del Nord; a livello settoriale, nell’agricolturaquasi un quarto dell’occupazione e’ non regolare.

red/glr

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su